lunedì 20 ottobre 2014

SALTIMBOCCA..AUTUNNALI


Ovviamente non vi propongo una ricetta che fa parte di una tradizione che non è la mia, sicuramente farei solo una pessima figura, ma leggermente rivisitata e adattata alla stagione, con castagne e funghi champignon!


500 GR FETTINE DI VITELLO
150 GR PANCETTA TESA
50 GR BURRO
120 GR PROLA DOLCE
80 GR CASTAGNE LESSE
300 GR CHAMPIGNON
1 SPICCHIO AGLIO


Pulire gli champignon e poi metterli a rosolare con metà burro in un tegame e lo spicchio d'aglio schiacciato e girare ogni tanto in modo che si rosolino per bene.Salare solo alla fine e togliere lo spicchio.
Nel frattempo preparate la carne eliminando il grasso dalle fettine e battetele con un batticarne. A questo punto prendete le fettine di pancetta e il provolone leggermente sbriciolato e adagiatele sulle fettine di carne, richiudeteli su se stessi usando uno stuzzicadente.
Infarinate leggermente gli involtini.
Fate sciogliere il rimanente burro in un altro legame e poi rosolate la carne, aggiungendo anche una foglia di alloro.Girare da entrambi i lati e lasciare all'incirca 7 minuti.

Unire poi nella stessa pentola della carne i funghi e le castagne lessate.
Lasciare ancora sul fornello per ben amalgamare i sapori e poi regolate di sale e pepe e erbette e servite.

domenica 19 ottobre 2014

TORTA DI NOCI GLASSATA



Noi blogger siam strani, non mi piacciono le foto per cui questa torta che è venuta buonissima è relegata solo ad oggi, un piccolo spazietto in una giornata festiva per augurarvi buona domenica!
Questa torta è molto semplice e risulta molto morbida e gustosa perfetta anche per i nostri bimbi.

80 GR NOCI
120 GR FECOLA
80 GR FARINA OO
140 GR ZUCCHERO
2 UOVA
85 GR BURRO
50 GR LATTE
1 BUSTINA LIEVITO


A piacere per la decorazione
50 gr frutta secca  e glassa semplice con zucchero a velo e qualche cucchiaio acqua tiepida

Tritare le noci e poi unirle alle farine.
Nella planetaria montare i rossi con lo zucchero e appena diventano spumosi aggiungere le farine, il burro ammorbidito e il latte.
Montare il composto e poi unire gli albumi montati a neve e infine, delicatamente la farina, facendo attenzione a non smontare il composto.
Infornare per venticinque minuti a 165 gradi.

Se volete  potete decorare la torta con una glassa fatta solo con zucchero e a velo e qualche cucchiaio di acqua calda colata sopra e poi frutta secca.

venerdì 17 ottobre 2014

CROQUE-MONSIEUR PANCETTA PORCINI E PECORINO

Lo so che non è una ricetta nuova e del tutto originale ma mi sono decisa a provare i croque-monsieur e sono rimasta favorevolmente colpita, ovviamente li ho farciti con prodotti di stagione.

2 FETTE PANE LUNGO PER TRAMEZZINI
2 PORCINI MEDIA GRANDEZZA (200 gr circa)
120 GR PECORINO
100 GR PANZETTA TESA  TAGLIATA SOTTILE
TIMO
100 GR BURRO (meglio se chiarificato)

PEPE


Tagliare il pane a quadrati di 5 cm di lato.
Pulire i funghi eliminando la parte terrosa e ogni traccia di impurità Affettarli sottilmente e poi farli rosolare in una padella antiaderente con una noce di burro e un po’ di timo.
Cuocerli per pochi minuti, pepare e poi toglierli dal fuoco.
Tagliare il pecorino a fettine molto sottili e tenere da parte.
Nei quadrotti di pane mettere una fetta di panzetta tesa, una di pecorino e qualche fettina di porcini.
Chiudere i quadrotti e pressarli per bene.
Scaldare il burro nella padella e appena sarà spumeggiante rosolare i croque-monsieur da entrambi i lati per 2/3 minuti finché sarà bello dorato.

Sgocciolarli leggermente su carta da fritto e servire subito.

mercoledì 15 ottobre 2014

SCONES CON LAMPONI E MIRTILLI


La colazione è uno dei pasti principali e non rinuncio a qualcosa di sano e gustoso che mi dia la carica giusta per affrontare una giornata di lavoro e che mi apporti le giuste proprietà nutritive necessarie e benefici alla salute.
Ecco perché cerco di scegliere con cura gli ingredienti e da quando ho provato la frutta disidratata di Gaia Superfood , provenienti solo da agricolture biologiche, effettivamente noto delle differenze; mi piace moltissimo unirle nei dolci o nei crumble e trovo che diano un gusto maggiore, oltre che essere alimenti ad alta densità nutrizionale.

Buona colazione a tutti con i miei scones ai mirtilli selvatici e lamponi naturali disidratati.


60 GR MIRTILLI DISIDRATATI  
60 GR LAMPONI DISIDRATATI
400 GR FARINA
1 BUSTINA LIEVITO
120 GR BURRO
2 UOVA
160 GR ZUCCHERO
3 CUCCHIAI LATTE



Mettere la frutta disidratata nel latte per qualche minuto.
Mentre si ammorbidiscono in un mixer unire la farina, il lievito, le uova, il pizzico di sale e il burro molto morbido.
Impastare velocemente e grossolanamente, poi trasferite in una terrina e unire il latte e la frutta secca.
Infarinare un piano di lavoro e stendere con il mattarello il composto dello spessore di cm.2.
Coppare con un tagliabiscotti rotondo e porli su un foglio da carta da forno. distanziati tra loro.
Cuocere a 180 gradi per circa 15 minuti finché saranno dorati e gonfi.
Far raffreddare su una gratella e poi servire a piacere tagliati a metà con burro e marmellata.

(Gli scones si conservano molto bene anche in freezer).

lunedì 13 ottobre 2014

SCIALATELLI ZUCCA, CASTAGNE E PANZETTA


L’ho già detto che adoro i sapori autunnali e soprattutto la zucca.
Stavolta ho provato a fare un ragù molto autunnale, facilissimo ma con tutti i sapori di questa stagione;  ho utilizzato le zucche butternut, o violino, che personalmente adoro.


100 GR CASTAGNE LESSE
350 GR ZUCCA PULITA
50 GR CIPOLLA
50 GR PANCETTA TESA
30 GR PARMIGIANO
A PIACERE PISTACCHI

Preparazione:
Potete usare sia castagne lessate che fresche che dovrete sbucciare lasciando la loro pellicina e poi lessarle facendole bollire in acqua con una foglia di alloro e una manciatina di sale per circa 1 ora.
In un padellino antiaderente mettere un filo d’olio e la cipolla e la pancetta tesa tagliati a dadini piccolissimi.
Appena iniziano a sfrigolare e a rosolarsi unire anche la zucca sempre tagliata a dadini piccolissimi (più piccoli sono più fanno prima a cuocere) e le castagne tagliate grossolanamente.
Mescolare per unire i sapori e poi salare e pepare.
Continuare la cottura con il coperchio e se si asciuga troppo aggiungere una tazzina di acqua.
Intanto buttare la pasta nell’acqua bollente salata e appena sarà cotta saltare la pasta nella pentola, unendo un mezzo mestolino di acqua della pasta e il parmigiano reggiano per legare meglio il condimento.

Servire nei piatti con a piacere i pistacchi che trovo che diano una nota di colore ma conferiscono anche particolarità al sugo, in alternativa potete usare nocciole tritate.