venerdì 18 marzo 2011

EATING OUT A MADONNA DI CAMPIGLIO


Va bene lo ammetto per una volta sono stata colta impreparata, posso solo dire a mia discolpa che nessuno sarebbe pronto ad incontrare la principessa Sissi e a vivere una serata di altri tempi!
Ma andiamo con ordine altrimenti mi crederete pazza, eccoci arrivati alla rubrica dell'eating out.
Stavolta la meta è di quelle di élite: Madonna di Campiglio.
Madonna di Campiglio è una località turistica della provincia di Trento, situata a 1.522 m s.l.m. nell'Alta Val Rendena, fra le Dolomiti di Brenta e il Gruppo dell'Adamello.
Un grande paese immerso in una natura spettacolare e mozzafiato, uno dei maggiori poli sciistici a livello nazionale, offre divertimenti e svaghi per ragazzi in cerca di notti brave e sciate da campioni, disponendo di numerosissimi impianti di risalita per la pratica dello sci alpino e dello snowboard, ma è anche un tranquillo rifugio per le famiglie che si vogliono godere le vacanze sulle Dolomiti.
Lo sapete tutti che da queste parte la cucina locale è fantastica grazie proprio ai prodotti che la natura offre, frutti di bosco, miele, selvaggina, formaggi che sanno di latte e pascoli all'aperta, per cui vi troverete davanti ad ampia scelta di ristoranti ma se come me, amate riempirvi le valigie di questi prodotti, non vi resta che entrare nel negozio Il rustico Ballardini, v.le Dolomiti di Brenta,n.45,: un vero tempio della gastronomia.
Inutile dirvi che i miei uomini mi hanno persa qui dentro per poi ritrovarmi sommersa sotto una valanga di prodotti tipici che non vedo l'ora di provare.
Ovviamente essendo un posto chic non possono mancare anche moltissime boutique che vendono articoli per la casa, bellissimi e che faranno bella mostra nelle vostre cucine: unica nota dolente...un po' carucci!
Essendo anche una stazione di movida giovanile da non perdere i ritrovi in piazzetta per prendersi un aperitivo oppure per il dopo serata, magari a ritrovarsi a bere una birra alla Stubedi Franz Josef
che offre cucina spartana e diversi tipi di birra.
Non ho incontrato nessun vip ma qualcuno di ben più importante, un personaggio che ha fatto la storia, forse il mito di tutte le bambine: la principessa Sissi.
Ecco che ritorna la svalvolata” direte voi, ….no, vi posso assicurare di averla vista con il suo magnifico vestito bianco che volteggiava e ballava in un fantastico salone, peccato solo non aver avuto la macchina fotografica per immortalare l'evento!
Adesso sì che vi ho messo un po' di curiosità, vero?!...dai che vi svelo tutto!
Madonna di Campiglio si sviluppò soprattutto a partire dall'Ottocento: meta dell'aristocrazia europea, la località conobbe infatti un vero e proprio revival turistico quando l'imperatrice Elisabetta d'Austria, nota come Sissi, decise di trascorrervi un periodo di villeggiatura, prima nel 1889 e poi nel 1894, afittando i due piani superiori del Relais des Alpes,(IGV).
Ed è proprio qui dove, senza ombra di dubbio, vi consiglio di soggiornare
Non solo quindi potrete fare un piccolo tuffo nel passato come ho fatto io, ma sarete sicuramente coccolati dalla gentilezza dello staff e dell'animazione, che sarà solerte a far divertire oltre che voi anche i vostri figli di tutte le età.
Inoltre, ogni anno Campiglio è sede del cosiddetto Carnevale Asburgico dell'imperatore Francesco Giuseppe. Tutti gli anni nel salone centrale dell'hotel, magnificamente arredato, si tiene la cena del carnevale asburgico una manifestazione culturale e turistica che, giunta ormai alla sua 28ª edizione, vede uomini e donne, rigorosamente vestiti d'epoca che si alterneranno tra portate sontuose e passi di valzer, sotto gli occhi della principessa e l' imperatore Francesco Giuseppe!
Sembra veramente di essere trasportati nel tempo e il magnifico allestimento dell'hotel non fa che accentuare di più l'atmosfera; ero veramente incantata a vedere questi abiti bellissimi con occhi sognanti da bimba che giuro mi sono bloccata e non ho fatto neanche una foto!
Ovviamente un piccolo cenno culinario al ristorante dell'hotel: veramente tutto squisito, con ampia scelta e un banco sontuoso di dolci ogni volta diverso, vi assicuro.... da lasciarci gli occhi!
Prima di lasciarvi alla ricettina, ovviamente tipica della zona, ma che potrete preparare anche voi a casa, non mi resta che consigliarvi questa località, (magari proprio in occasione di questa festa) e sopratutto questo hotel fantastico che ci ha ospitato e che ci ha fatto rivivere un po' di storia (un particolare ringraziamento al Sig. Giovanni, amministratore delegato di questa struttura IGV).

PATE' DI LARDO

300 GR LARDO DI CAMPIGLIO
NOCE DI BURRO
ROSMARINO
TIMO
PEPE NERO E ROSSO

Prendere un bel pezzo di lardo di Campiglio e poi tagliarlo in pezzi più piccoli.
Aggiungerlo alle erbe aromatiche come rosmarino e timo tagliate prima con la mezzaluna e una spruzzata di pepe nero e una di pepe rosso.
Frullare tutto insieme e poi all'ultimo aggiungere anche una noce di burro per rendere tutto più omogeneo.
Il patè di lardo si conserva chiuso in un barattolo per diverso tempo e vi conquisterà per la sua versatilità in cucina, sia su semplici crostini sia come insaporitore per torte salate e primi piatti.

29 commenti:

  1. Una meraviglia sia il luogo che il patè...
    Giusto per noi viaggiatori golosi ;))

    Ciao Lucy un bacione e buon week end ...

    RispondiElimina
  2. Lucy look delicious, I love your pictures, waht nice, have a lovely weekend! gloria

    RispondiElimina
  3. il patè davvero insolito almeno per me,però sicuramente buonissimo,il luogo ............semplicemente meraviglioso.
    ciao buon weekend

    RispondiElimina
  4. Non ci sono mai stata ma non ti nego che mi piacerebbe molto, questo patè spalmabile invece l'ho assaggiato una volta in una sagra con crostone caldo ed era una meraviglia!
    Fico&Uva

    RispondiElimina
  5. Bellissimo posto ^_^
    Buon fine settimana Anna

    RispondiElimina
  6. Lucy, grazie di questo tuo racconto, mi ha portato lontano :)) Madonna di Campiglio è stupenda.. il lardo una goduria, in barba al colesterolo, 'ché quando ci vuole ci vuole ehhh!

    RispondiElimina
  7. Un lugar estupengo. Muy bonitas fotos.
    El paté me parece delicioso,

    Besitos,

    RispondiElimina
  8. Non lo sai ma credo che da piccola ho visto troppe volte i film della principessa Sissi perchè mi è rimasto il chiodo fisso di Vienna nella testa :))) E' stato molto piacevole seguirti in questo tour campigliese (si dirà? boh...). Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  9. Che buooono!Tutto.Per me poi,che adoro questa montagna e' il massimo.
    Un bacione,Fausta

    RispondiElimina
  10. les photos sont magnifiques ainsi que la recette
    à bientôt

    RispondiElimina
  11. Che belle foto!!!!...e che fantastico patè!!!! ^_^

    RispondiElimina
  12. Un patè da sogno come il posto che fà immediatamente sognare. Buon week end cara :)

    RispondiElimina
  13. Questi sono i paesaggi una volta tanto cari alla mia mamma. Questo patè di lardo è sicuramente favoloso. Complimenti, ciao
    M.G.

    RispondiElimina
  14. grazie per questo bellissimo post!!!
    la località è un incanto e raccontata da te ancor più affascinante!!
    ho segnato tutte le tue indicazioni sperando di farne presto buon uso :)
    grazieee ancora

    RispondiElimina
  15. Ho del buon lardo che per la verità uso pochissimo: l'idea del patè mi piace moltissimo e la realizzerò per la prossima cena con amici :D

    RispondiElimina
  16. ma che bell'idea! adoro il lardo ma é una vita che non lo mangio! devo aspettare le vacanze in Italia per mangiarne di buono! Buon weeekend, Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  17. Buona la ricetta e le foto anche! Sono stata a Madonna di Campiglio l'anno scorso ed ho un ricordo bellissimo. Ciao

    RispondiElimina
  18. Lucy, io sono stata benissimo a Zurigo, ma vedo con immenso piacere che anche tu hai vissuto una favola!!!Anche io sarei rimasta incantata dal ballo in maschera, sai?! E quando ho letto dei dolci nell'hotel ho sorriso: mi ricordavo che me lo avevi raccontato anche per tel! E mi sono anche immaginata questi bei negozietti di cui parli...Io lì ci avrei lasciato il debito ;-). Bella anche questa ricetta e immagino quel lardo di che qualità è...Adora questa tua rubrica sempre di più, mi fa viaggiare con la mente e quando leggo sembra di essere lì anche a me. Un bacione

    RispondiElimina
  19. Carissimo/a
    Sto per aggiornare l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html


    sergio.

    RispondiElimina
  20. mamma mia quel apté di lardo mi fa l'occhiolino dalla foto :P
    grasso sì ma avrà un sapore meraviglioso :D
    buon we!

    RispondiElimina
  21. Quel patè di lardo mi sta facendo sbavare... Madonna di Campiglio non la ricordo, ero troppo piccola quando andai... chissà che non ci torni!

    RispondiElimina
  22. hi nice blog, good luck always.
    visit my blog also http://randhu.blogspot.com
    Thank you very much

    RispondiElimina
  23. Buonissimo il patè e splendido il luogo..tra le montagne che io adoro!!!;-)
    Un bacione Cara,bravissima..:-*

    RispondiElimina
  24. Mi hai fatto ricordare una gita di tanti (tanti) anni fa', con i miei genitori :-)

    RispondiElimina
  25. Pate' insolito e bella gita!

    RispondiElimina
  26. amo Madonna di Campiglio, fino all'anno scorso per noi era obbligatorio andarci x fare la settimana bianca nel periodo di carnevale con tutta la famiglia...magnifica!quest'anno per vari problemi è il primo anno che abbiamo saltato e ci è mancata un sacco!!
    il patè è magnifico complimenti!=)

    RispondiElimina