mercoledì 12 gennaio 2011

COME FAR CONTENTO IL MARITO



Domenica scorsa dal ritorno di qualche giorno di ferie in montagna ci fermiamo ad Aosta per fare un po’ di acquisti.
Due negozi vicini: mio marito entra nello spaccio di una nota ditta di abbigliamento, io nel negozio bio.
Dopo un po’ esco trionfante con il mio pacchettino dal negozio e per prima raggiungo il camper, mi cambio aspettandolo.
Ma proprio mentre metto a posto le cose mi sovviene che avrei potuto comprare l’agar agar, nella mia città introvabile (lo so è triste, ma c’è un negozio che la vende ma tutte le volte che vado è sempre finita!).
Vedendo il maritino di ritorno gli chiedo ”Per favore rientra tu nel negozio di bio e comprami l’agar agar”
“L’agar…che?!”
“L’agar agar”
“Ma non prendermi in giro, io non vado”
“Dai vai, per favore, è un gelatificante naturale!”
Borbottando riesco a convincerlo ad andare.
Dopo un tempo interminabile esce sorridendo con un bel pacchettino (io già tanto che mi avevano dato la busta di plastica!).
“Devo andare più spesso a farti le commissioni, mi diverto!”.
Conoscendolo ho subito chiesto la spiegazione di tanta contentezza.
Entrando nel negozio aveva chiesto alla commessa dove potesse trovare l’agar agar e lei gentilmente e sorridendo l’ha accompagnato nello scaffale giusto “Sa non sono in tanti che ce lo chiedono”
“Immagino”
“Ma a cosa serve?!” chiede lei,
“Per gelatificare”
“Si vede che lei è un esperto, ma mi dica che lavoro fa?”
Non so quale diavoletto sia passato nella sua testa in quel momento…”Lo chef”
“Ma davvero, che fortuna e dove?”
Il diavoletto continuava a danzare e così disse il nome di un noto ristorante di Torino (che evito per non farmi querelare) “…sa sono il sous chef, devo controllare che tutti i piatti arrivino perfetti ai tavoli”
“Ma complimenti allora!”
Non contento alla cassa c’erano dei semi di carrube…”sa con questi una volta ho fatto una birra”
(preciso…l’abbiamo bevuta non prodotta!).
“Mamma ….ma papà cosa a comprato?!”
“Agar agar, ricordatelo, perché la prossima volta ci andrai tu!”
Ovvio che mi sono precipitata a provare questo ingrediente misterioso che sfuggiva ancora nella mia dispensa e ho creato delle mousse caffè-torroncino.



100 ML PANNA
2 CUCCHIAI DI AGAR AGAR
1 TAZZINA DI CAFFE’
100 ML YOGURT AL CAFFE’
20 GR ZUCCHERO A VELO
1 CUCCHIAIO DI TORRONCINO RIDOTTO IN POLVERE



Montare la panna e aggiungervi delicatamente lo zucchero a velo.
Intanto preparare il caffè e poi metterlo a scaldare in un pentolino con l’agar agar continuando a rimestare in modo da non formare grumi fino al completo scioglimento.
Lasciar raffreddare leggermente e poi versarlo in una terrina insieme alla panna e allo yogurt al caffè al torroncino.
Versare nelle terrine e lasciar rapprendere in frigorifero.
Il gusto forte del caffè è contrastato con l’acidino dello yogurt ma tutto equilibrato dalla panna.

54 commenti:

  1. Questa mousse farebbe felice non solo il maritino :D! Arriverei dritta a farti compagnia col cucchiaino ^__^ Comunque la tua dolce metà è un fenomeno a fare le commissioni :))) Bacioni tesoro, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Te la ricordi vero la storia della mezza seppia?!?Mi da idea che anche tuo marito sia sulla buona strada ;-)!!!Ottima questa mousse e ti invidio l'utilizzo dell'agar agar. Mai comprato e ogni volta che vado al bio mi scordo sempre di chiederlo...La prossima volta metto un promemoria...Un bacione

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta me la segno subito!! Ho del torrone bianco, proprio ieri ho fatto la crema al torrone!!
    Grazie cara un bacione ^_^
    Buona giornata Anna

    RispondiElimina
  4. L'agar agar non lo avevo mai sentito, ma visto il risultato lo cercherò. Bravissima, ciao Gianni

    RispondiElimina
  5. Pensa se la commessa gli avesse chiesto il piatto forte del ristorante...! Comunque ottima questa ricetta. Anche io non trovo mai l'agar agar...

    RispondiElimina
  6. che spasso,da morir dal ridere!!!!!!
    mi hai ricordato che anche io ho finito la scorta di agar agar,di solito la utilizzo più in estate per fare questi tipi di mousse da mangiare belle fredde.
    peccato che sono intollerante al caffè per rifare la tua sigh :(

    RispondiElimina
  7. Una bella ricetta , la prendo volentieri ciao :) buona giornata

    RispondiElimina
  8. Devo fare un'ammissione: non ho mai usato l'agar agar.
    Ora vado nell'angolo in ginocchio sui ceci.
    Tanti auguri di buon anno in ritardo

    RispondiElimina
  9. Simpaticissima!! E vedo che il risultato ne é valso la pena. Chissà che bontà!! Baci e buon anno!!

    RispondiElimina
  10. una ricetta davvero strepitosa... che farebbe contenta anche me!!!

    RispondiElimina
  11. che personaggio tuo marito e che delizia che hai realizzato bellissima poi l'idea del barattolino davvero una tentazione!!baci imma

    RispondiElimina
  12. bello il tuo blog... complimenti :-)

    RispondiElimina
  13. ... capisco che si diverte a fare il grande con i tuoi consigli... si vede che dietro un grande uomo c'è una grande donna!!!

    RispondiElimina
  14. Lo uso spesso anch'io e mi trovo benissimo.
    Troppo forte tuo marito, chissà le risate sotto i baffi. Comunque, chef o no bisogna ammettere che è preparato in materia :D
    Deliziosa questa mousse, un'ottima ricompensa per il marito...dopo ore e ore in cucina a controllare tutto chissà come sarà stanco :D
    Un bacio

    RispondiElimina
  15. Tuo marito e' uno spasso, pensavo che solo il mio combinasse cose simili :-)

    E la mousse? non te lo dico nemmeno...;-)

    RispondiElimina
  16. Avrei usato volentieri l'agar agar (ma potevi dirmelo che faceo un'aggiunta ;-) ) anche per le verrine del contest ma avrei dovuto sperimentare per la dose giusta, queta mousse è perfetta e tuo marito un "ganzo" :-D

    RispondiElimina
  17. ciao Lucy, allora anche tu camperista??!!
    L'agar-agar anche dalle mie parti è introvabile, io l'ho acquistato su e-bay ed è un gelificante strepitoso! Complimenti per la mousse e anche a tuo marito, la scenetta descritta è assai divertente!
    baci
    terry

    RispondiElimina
  18. ¡que rica mousse! debe de estar tremenda, jamás probé algo semejante y casi que puedo saborearlo. rarísimo, lo tengo que hacer! :)

    RispondiElimina
  19. Sei simpaticissima! Hai fatto bene a provare, il risultato è mooolto invitante :-) Baci

    RispondiElimina
  20. complimenti al marito per la fantasia ;-) ... e a te ovviamente per la mousse!!!!!

    RispondiElimina
  21. sto ancora ridento della tua storia e di tuo marito di come si e prestato a fingersi dello chef :)) e a sapere cosa e dove veniva usata l'agar agar occhio alle prossime commissini :)
    congratulazioni per la mouss buonissima..
    baci da lia

    RispondiElimina
  22. Lucy look absolutely delicious! gloria

    RispondiElimina
  23. Sono morta dal ridere, tuo marito è mitico:) Anche io fatico a trovare l'agar agar, devo andare ben lontana da casa. Complimenti per la mousse, un abbraccio

    RispondiElimina
  24. c'est vraiment appétissant, pas de doute !

    RispondiElimina
  25. qui vicino casa c'è un enorme negozio che vende solo spezie, sali di tutti i colori e cose del genere, e hanno anche l'agar agar...sapevo che fosse un gelificante, ma non sapevo come e in che quantità usarne. grazie dello spunto.
    un bacione!

    è davvero golosissima la tua mousse. :P

    RispondiElimina
  26. Fantastica esta cremita. Saludos

    RispondiElimina
  27. Ciao!Ho aperto un nuovo contest per festeggiare il mio blog-compleanno! Vieni a vedere se ti piace l'idea e hai voglia di partecipare!!
    ciao Cristina
    http://plvheart-funinthekitchen.blogspot.com/2010/12/contest-per-il-mio-primo-blog.html

    RispondiElimina
  28. A mi esposo le encantaría esta receta, le fascina el café..
    Saludos

    RispondiElimina
  29. Spiritoso il marito....un grande,e la mousse ,una delizia....merito dell'agar agar,naturalmente.....

    RispondiElimina
  30. Uso l'agar agar per la panna cotta. Molto meglio della colla di pesce. Io lo trovo in erboristeria. La tua ricettuzza mi piace un sacco. Scrivo, la stampante non funziona!

    RispondiElimina
  31. Come sempre riesci a prendere tutti per la gola....che uomo fortunato tuo marito...

    Buona serata

    RispondiElimina
  32. Me la immagino la scenetta!!!La mousse è davvero strepitosa!! Per quanto riguarda l'agar agar non ho ancora provato...ma quando mi capiterà davanti non mi tirerò certo indietro!!!Smack!!

    RispondiElimina
  33. da superEli: ahhh l'agar-agar !!! Lo vendono al Bio vicino a casa nostra in crucchia. L'abbiamo presa su commissione per un amico. Se ne hai ancora bisogno...

    già che ci sono: quanti muffin escono dalla ricetta di gennaio?

    RispondiElimina
  34. Questa mousse farebbe felice anche il mio di marito ma a comprare l'agar-agar ci vo io! :D

    RispondiElimina
  35. Il tuo racconto è simpaticissimo! Mi hai fatto davvero morire dalle risate ^_^
    questa mousse è speciale. Complimenti cara! e saluti al marito zelig :D

    RispondiElimina
  36. Ahahahaha fortissimo tuo marito!!!! ^_-

    Buonaaaaaaaa questa ricettina...farebbe felice anche me!!!!

    RispondiElimina
  37. Que delicia de receita... Eu uso muito agar-agar, Alem de ser feita a base de algas. Nao tem a quase calorias nenhumas, e' muito saudável.
    Ficou com um aspecto delicioso : (
    Beijinhos

    RispondiElimina
  38. @ dynoz...adesso ne ho un po' quindi non ne ho bisogno per il momento.grazie.escono all'incirca 12 muffin!

    RispondiElimina
  39. Il dolce è meraviglioso, ma tuo marito me lo devi prestare nei miei giorni no!!!

    RispondiElimina
  40. questi uomini!!!! però bisogna riconoscergli il primo premio per la creatività.. il dolce è perfetto!!! un bacio

    RispondiElimina
  41. ciao, passavo per invitarti a un gioco di scambio ricette! ti va di partecipare? ti aspetto qui http://zasusa.blogspot.com/2010/12/gioco-forum.html

    a presto

    RispondiElimina
  42. Ho sentito l'aroma del caffè e sono arrivata qui, questo barattolino è delizioso, complimenti, complimenti!

    RispondiElimina
  43. Dai dai che non ce la racconti giusta ora ho capito è tuo marito che cucina!!!! ;) Complimenti questa mousse è la goloseria fatta barattolino

    RispondiElimina
  44. Hai detto mousse al caffè?! troppo bbuona
    Mi immagino già la scena... povera commessa!

    RispondiElimina
  45. che ridere, ma é meglio di una barzelleta la storia dell'agar agar! Beh, se la merita questa bella mousse golosa!

    RispondiElimina
  46. Insomma questo sous chef si è fatto prendere proprio la mano!!Immagino come si sia crogiolato nell'inventare questa storia..divertente,mi fa troppo simpatia!!Però dai che l'agar agar poi è arrivato e per fortuna!!Hai creato una mousse golosissima!!Brava come sempre bella Lucy!!

    RispondiElimina
  47. Tropo divertente l'avventura del agar agar! Voglio sapere anche come ha fatto la birra con semi di carrube!!!!
    Che bella questa tua passione per sperimentare con tutti questi ingredienti!!!

    Questa ricetta e golosissima!

    RispondiElimina
  48. Oddio che riddere:DDDDD Bravo marito, però;))
    Bella ricetta, Lucia:))
    Bacione

    RispondiElimina
  49. Ahaaha!! Ma è simpa tuo marito!!
    Ma come non trovi l'agar qui e lo hai trovato ad Aosta??
    Se vuoi ti elenco almeno una dozzina di posti dove puoi trovarlo...
    Io mi sono riproposta che sarei passata all'agar appena finito l'ultimo foglio di colla di pesce... e ci sono quasi!
    Il tuo primo esperimento sembra riuscito! Buono!

    RispondiElimina
  50. Ma la commessa del negozio era carina?

    RispondiElimina
  51. Eh eh tuo marito si è divertito eh? che buona che sembra questa mousse! :) brava (come sempre!)

    RispondiElimina