lunedì 27 luglio 2015

LOKUM

Tra i dolci tipici della cucina turca, come accennato nel post precedente  ci sono i lokum, piccoli dolcetti gelatinosi; sono prettamente fatti di amido e zucchero e vengono aromatizzati con acqua di rose, limone pistacchi, spezie  o menta; di solito poi si coprono di zucchero a velo e amido o farina di cocco.




LOKUM



100 gr di maizena 
700 gr di zucchero semolato
succo 1/2 limone

1 cucchiaino cremortartaro
350 gr di acqua fredda
2 cucchiai di acqua di rose
40 gr zucchero a velo per decorare

In un pentola capiente mettere tutto lo zucchero semolato, il succo di limone e mezza tazza di acqua, prendendola dai 350 gr indicati. Sciogliete girando continuamente e poi bollire; è pronto quando lo si addensa..

In un altra pentola capiente con fondo alto, mettere 100 gr di maizena, il cremor tartaro, una tazza d’acqua e mescolare fino a che non è ben amalgamato senza grumi, se serve mescolare con una frusta.
Scaldare a parte la rimanente acqua e via via aggiungerla al composto di maizena, senza far formare grumi e tenendo sempre la fiamma piuttosto bassa.

Aggiungere alla fine lo sciroppo di zucchero, piano e costantemente e mescolare.
Cuocere il composto 1 ora e 15 minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchi.
Via via che cuoce si addensa e diventa di un bel colore dorato.
Aggiungere solo alla fine della cottura l’acqua di rose e se volte del colorante alimentare.
Trasferire la massa in una teglia di alluminio, foderata di carta forno oppure unta di olio, del formato 20 per 30. Spalmare bene il composto e lasciare un giorno ad assestare.
Il giorno successivo tagliare a cubi e utilizzando i 40 gr di maizena rimasti e altri 40 gr di zucchero a velo passare cubi tagliati nel composto.
Per la conservazione è bene lasciarli in un piatto piano, all’aria. 

9 commenti:

  1. Non so se è una mia impressione, ma mi ricordano molto i marshmallows, molto più profumati, però, con quell'aroma di rosa che adoro :)

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Li conosco molto bene e li ho mangiati tante volte da piccola. A farli in casa è una bella idea, magari da provare ! Buon lunedì !

    RispondiElimina
  4. Mi piace questa idea li trovo affascinanti e belli da vedere,li devo provare da una vita e non so perchè rimando......li farò!

    RispondiElimina
  5. Quanto sono carini! Li ho assaggiati a Istanbul in 1000 versioni!

    RispondiElimina
  6. Belliiiiiiii!!!!!!!!! è da troppo che voglio farli! li ho mangiati tanti anni fa e mi sono rimasti sempre nella memoria. Sono bellissimi, perfetti direi! Brava Lucy! Un bacione

    RispondiElimina
  7. Non li conoscevo, grazie per la golosa scoperta!

    RispondiElimina
  8. dove si trova il cremortartaro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nelle drogherie o reparto dolci ben assortiti tipo alla coop da me lo trovi

      Elimina