sabato 25 luglio 2015

CUCINA TURCA E BOREK

La cucina turca di Istanbul  trae origine dalla cucina ottomana con la fusione e il raffinamento delle cucine dell'Asia medio orientale e del Mediterraneo creando così una gran varietà di specialità, molte delle quali con forti associazioni regionali.
Sana, varia e saporita, la cucina turca merita di essere assaggiata nelle sue varie forme per scoprirne le sue gustose varianti.
Tra le specialità i Borek,  (sfoglia ripiena di formaggio o carne macinata), i Pide e Gozleme, sorta di focacce ripiene e i Simit, ciambelle di pane al sesamo.
Il kebab è una vera e propria istituzione: la carne di agnello, pollo o manzo viene marinata e grigliata per poi essere servita al piatto o  dentro al panino accompagnata da cipolla e verdure; ovviamente anche il pesce è molto diffuso e vi esistono diverse varietà.








BOREK

1 rotolo pasta phillo
200 gr formaggio pasta molle
100 ml yogurt magro
Erbette
Pepe q.b
Olio q.b.
Semi di sesamo q.b.

Stendere le sfoglie con molta cura e velocità per non seccarle e poi disporre la metà sul fondo di una teglia; per una migliore resa, consiglio di oliare i fogli tra di loro.
Intanto in una ciotola schiacciare con la forchetta il formaggio cremoso, aggiungere lo yogurt, una spruzzata di pepe e le foglioline di erbette tritate finemente.
Regolare di sale.
Distribuire il composto nella teglia e poi ricoprire con i restanti fogli; chiudere bene sigillando esternamente. Praticare delle incisioni a lisca di pesce sulla superficie, oliare leggermente e poi versare sopra dei semini di sesamo.
Infornare a 160 gr per circa 20 minuti finché la sfoglia sarà dorata e croccante.

Servire caldo.


N.B: Questa ricetta è leggermente modificata e adattata di più ai nostri gusti; si usa generalmente la pasta kafaiti ma è più difficile da trovare. Si possono inoltre trovare i borek a fette, quadrati o arrotolati.







3 commenti:

  1. Eccolo qui, l'altro post. Me lo sono tenuta da parte per leggerlo e immergermi nell'atmosfera sognante della Turchia. La cucina turca, come tutta quella mediorientale, la adoro e la sto scoprendo piano, piano. Il borek resta tra le preparazioni da fare, prima o poi, appena trovo la pasta fillo o quanto meno appena mi deciderò a farla da me :)

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia....quanti ricordi...ci tornerei subito!

    RispondiElimina