venerdì 1 agosto 2014

TESTAROLI


I Testaroli sono un tipico primo semplice e genuino della Lunigiana conosciuto già nei tempi remoti ma che ancora oggi vengono realizzati con gli stessi pochi ingredienti di allora: farina, acqua e sale. 
Il termine "Testaroli" deriva dalla parola "testo", che è il contenitore in ghisa (un tempo in argilla) nel quale avviene la prima fase della loro cottura; sono a base di farina di grano (ma anticamente erano fatti anche col farro) e si presentano come dei dischi molto sottili. 
La loro porosità consente di assorbire i condimenti molto più delle normali paste, ed il loro spessore li rende assai più gustosi al palato e adatti anche ai bambini.

(dosi per 8 persone)
800 GR FARINA
SALE
ACQUA Q.B
PESTO
50 GR PARMIGIANO REGGIANO


Mescolare la farina con acqua tiepida ed un pizzico di sale, ottenendo una pastella molto morbida, leggermente più densa di quella delle crepes.
Lasciare riposare per venti minuti circa.
Scaldare il testo sul fuoco (in alternativa si può usare anche in una padella antiaderente buona come per me Roccianera).
Versare la pastella fino a raggiungere lo spessore di 3 o 4 mm. e lasciare cuocere 5 minuti per lato. 
Raffreddare e tagliare a rettangoli di circa 3 cm x cm. 5 e tenere da parte
Immergere i testaroli in acqua calda salata (l'acqua non deve bollire) e lasciare rinvenire alcuni minuti.

Infine colare e condire con pesto, olio e parmigiano grattugiato. 

12 commenti:

  1. non li ho mai assaggiati ma devono essere davvero gustosi :)
    un bacio, buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Che buoni!!! Io ho assaggiato quelli di farro, in un ristorante della lunigiana. Ma non sapevo niente in merito alla preparazione! Ottimo articolo e ottima ricetta, da provare immediatamente!

    RispondiElimina
  3. mangiati tanto tempo fa a Parma,buonissimi,grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  4. fantastici! l'altra settimana siamo stati alla festa medievale a Vinci e li abbiamo mangiati al pesto... e mi chiedevo come erano fatti! erano ottimi!!
    ed ecco qua la tua ricetta che cade a fagiuolo! :)
    grazie e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Veramente una pasta fresca alternativa e molto gustosa, devo provarla con la mia padella "testo" delle piadine ;)!!! Ciao ciao Luisa

    RispondiElimina
  6. Il pesto è da sempre il mio condimento preferito e qualche tempo fa avevo provato a fare anche i testaroli, di cui amo la consistenza cedevole e la capacità di trattenere il sugo. Devo assolutamente rifarli!
    A presto
    Giulia

    RispondiElimina
  7. Buonissimi i testaroli ! ogni volta che sono da quelle parti ne mangio un piatto, ma non ho mai provato a farli... mi sembra anche semplice ! ciao Lucy !

    RispondiElimina
  8. Li adoro..ma non ho mai pensato di farmeli in casa..i tuoi sembrano ottimi!
    Grazie della ricetta e buon we <3

    RispondiElimina
  9. ça doit être vraiment savoureux
    bon week-end

    RispondiElimina
  10. non li conoscevo :( e mi sà che mi perdevo tanto :)

    un bacione e ancora complimenti per la bella foto

    RispondiElimina
  11. Mamma mia che gola!!! Non ho mai fatti i testatoli, ci proverò sicuramente! Ma che meraviglia di foto fai!?!?! Bravissima! Ciao, buona giornata e a presto
    Federica :-)

    RispondiElimina