domenica 26 febbraio 2012

A PRANZO CON ...GLI CHEF

La prima cosa che si respira entrando in questo ristorante e' l'amore per la famiglia.
Immaginatevi ora in un paese delle fiabe, in una zona un po' sperduta per noi abituati alla citta' e allo smog, ma altrettanto fascinosa,...entrate dalla porta del ristorante e vi trovate davanti ad un posto accogliente, rustico e alle facce sorridenti dei due chef Fabrizio Rebollini, sempre piu'emergente e sempre piu'richiesto, e della sua giovane ma capacissima sorella Serena.
Affiatati, come difficilmente si riesce tra fratello e sorella, conducono con maestria il ristorante di famiglia, e quando non sono in giro per il mondo a far conoscere i nostri piatti, sono pronti ad accogliervi e stupirvi.
Tra una portata e l'altra si sente decisamente l'amore per il territorio, la ricerca di prodotti che siano genuini e a chilometri zero, come i loro salumi, le uova o la loro piccolo produzione di farina gialla o le trote del pescatore loro vicino...




Insomma tutto deve essere di stagione e visto che sono nati in questa terra ci tengono a valorizzare i prodotti che hanno sempre conosciuto, apprezzato e mangiato, proprio perche' ormai si e' instaurato un processo di fiducia con il piccolo produttore di nicchia.
Non vi troverete davanti ad una cucina super di tendenza perche'come ritiene Fabrizio non e' necessario inventare qualcosa di nuovo ma rivisitare grazie a nuove tecniche, piatti della tradizione che ci appartengono e che fanno parte della nostra cultura e che sono le basi del nostro processo formativo.
Ora lasciamo parlare le immagini.

 Latte brusco con pancetta nostrana, panissa e quiche di cipolle

Before...and after


 Cipolle gratinate con parmigiano e uovo alla coque

Tartare di trota affumicata da loro con panna acida e vinagrette di lamponi

 Malfatti di ricotta di pecora con erbette

Carre'affumicato a caldo con dressing ai semi di papavero e cubetti di barbabietola

Non perdiamoli di vista e soprattutto non vi perdete l'intervista a Le stelle si incontrano a breve

E per finire in dolcezza... il dessert, una variazione di mela carla con tortino alle mele, gelato al Calvados e sorbetto di mela

29 commenti:

  1. Bel ristorante e bei piatti!

    RispondiElimina
  2. Si respira quasi atmosfera di casa ^_^ un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  3. Io "arraffo" cordialmente i malfatti e il latte brusco ma è tutto delizioso e molto invitante!!Buona domenica!

    RispondiElimina
  4. uno spettacolo per gli occhi ed il palato.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  5. buon carnevale amica
    buona domenica

    http://laracroft3.skynetblogs.be
    http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  6. Io qui farei il remake de La grande abbuffata.

    RispondiElimina
  7. Sono sempre più convinta che per fare grandi piatti ci vogliono grandi ingredienti e un(in questo case due) sapiente cuoco che riesca a valorizzare la materia prima! Deliziose queste proposte, ma io sto letteralmente morendo di fronte alla tartare di trota con panna acida e lamponi:divina! Un bacio

    RispondiElimina
  8. un menu gourmand un vrai régal
    bonne journée

    RispondiElimina
  9. Uno spettacolo per gli occhi e per il palato!!! Ciao

    RispondiElimina
  10. Un post davvero davvero interessante... :-)

    RispondiElimina
  11. complimenti tutte ricette fantastiche,un menù ricco di tutto ciao :)

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia!!!che piatti spettacolari!

    RispondiElimina
  13. Il trionfo di mele per dessert mi piace molto ! Ma anche il resto non scherza ! bello andare fuori a pranzo in un posto dove tutto ti fa percepire l'amore per il cibo ! Ciao e buona sarta !!

    RispondiElimina
  14. quante belle cosine... ma soprattutto, grandi ispirazioni, quando si va in questi posti vero?

    RispondiElimina
  15. Menudo banquete, rico rico, besos

    RispondiElimina
  16. Sei riuscita a trasmettere le sensazioni e l'atmosfera che hai vissuto.Complimenti!

    RispondiElimina
  17. Complimenti!!!
    Buon inizio settimana Lucy!!!

    RispondiElimina
  18. Che acquolina! mi è venuta subito fame... ti capisco quando parli dell'atmosfera familiare che si respira da Fabrizio, la loro è una "slow life".
    Giovani, determinati e innamorati della loro terra: un esempio per tutti noi che siamo cresciuti in questa splendida valle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. detto poi da chi ci vive e'una conferma in piu'di quanto ho scritto.grazie!

      Elimina
  19. Peccato per la lontananza altrimenti avrei assaggiato davvero con piacere i piatti di questo bravissimo chef cosi attento alla tradizione ed ai sapori della sua terra!!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  20. Davvero tanti tanti complimenti a questo duetto di sapienti chef :)

    RispondiElimina
  21. tantissimi complimenti un esperienza da non dimenticare

    RispondiElimina
  22. meraviglioso post, meravigliosi gli chef e l'amore per la cucina!

    RispondiElimina
  23. Queste ricette sono strepitose! mi costringi a copiarne qualcuna! Complimenti, fra i migliori blog!

    RispondiElimina
  24. che piatti!
    P.S.: ho preparato un post per domani, e ci sara' un premio per te!

    RispondiElimina
  25. ciao Lucy, ho trovato il tuo commento sul mio blog e sono venuta a conoscerti. ho deciso di seguirti perchè non solo sei una mia conterranea (tu Alessandria io Torino con antenati astigiani)ma perchè il tuo blog mi incuriosisce: questo misto di tradizione e sperimentazione, al tempo stesso naturale e sofisticato. Brava!

    RispondiElimina
  26. Ok, posso ordinare?? Mi hai fatto venire fame!!!Smack!

    RispondiElimina