mercoledì 5 ottobre 2011

...E CHE CAVOLO!



Prima di iniziare a scrivere un articolo per il Cavolo verde ero una donna felice e già bramavo di assaporare tutto quel fantastico formaggio, il vero protagonista dell'articolo (che comunque vi invito a scoprire.)
Ma d'improvviso il mondo mi è crollato......al piccolo è venuta una dermatite data dal mio consumo di latte, formaggi e yogurt.
Banditi del tutto dalla mia tavola!!!!!!!...E CHE CAVOLO!!
Ora chi mi conosce bene e sa che vivo praticamente di formaggio può capire la mia disperazione, il buio totale che avvolge il mio frigo.
Non mi resta quindi che sognare il Kilo di formaggio che avevo comprato e soprattutto il risotto al barbera con toma di pezzata rossa e nocciole che avevo preparato con tanto amore. 


240 GR RISO CARNAROLI
50 GR CIPOLLA
30 GR NOCCIOLE
50 GR FORMAGGIO TOMA DI PEZZATA ROSSA
1 BICCHIERE DI BUON BARBERA
BRODO DI POLLO Q.B.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA
SALE
QUALCHE FOGLIA DI SALVIA

Tagliare finemente la cipolla e lasciarla soffriggere leggermente.
Quando inizia ad imbiondirsi aggiungere il riso e continuare qualche secondo la tostatura, sfumare con il vino rosso e salare.
A questo punto continuare la cottura del risotto aggiungendo all'occorrenza del buon brodo di pollo.
All'ultimo mantecare con il nostro formaggio grattugiato e le nocciole tostate rotte grossolanamente.
Infine tagliuzzare finemente qualche foglietta di salvia e servire con un buon filo di olio extravergine.

31 commenti:

  1. Oh il riso, sempre buono!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. mamma mia, che bontà questo risotto... dai resisti, tra un po' magari potrai reintrodurre i latticini, un po' per volta... :) Valentina*

    RispondiElimina
  3. Che golosità!!!
    Ci spiace per la tua forzata astinenza ai latticini...vedrai che sarà una cosa temporanea...

    Baciii
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace per te che devi rinunciare al formaggio, io lo adoro insieme ai salumi e sarebbe davvero una rinuncia davvero difficile da fare ! Ma il tuo risotto è davvero delizioso...magari un po' ti rifai....:-)))

    RispondiElimina
  5. Nooo anch'io non potrei vevere senza formaggio... dopo aver preparato questa delizia poi!! O_o Scritto molto bene l'articolo, complimenti!!!

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace moltissimo, vedrai che si tratta di un problema temporaneo!!! Che buono dev'essere questo risotto!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. noooo!un vero disastro!! anche io sono una che non riesce a vivere senza formaggio!! chi sa che sofferenz:(
    Questo risotto è davvero una squisitezza :)

    RispondiElimina
  8. Adoor anche io il formggio am nel mio cosa è al colite ad urlare quindi devo tenerli lontani:D e ti posso capire ma ci consoliamo almeno con la visione di questo meraviglioso piatto!!bacioni,imma

    RispondiElimina
  9. Ciao! Mamma che buono!!!! un vino molto saporito, un formaggio filante e morbido e le nocciole per il tocco croccantino!! divino insomma!
    baci baci

    RispondiElimina
  10. mi spiace un sacco per la dermatite.. ma è comprensibile, problemi da latticini :( ma cn questo risotto penso torni anche il sorriso :) complimenti un bacio

    RispondiElimina
  11. che risotto meraviglioso, e che bei colori !!
    Sai che vivo vicino al piemonte eppure non conosco la toma di pezzata ?? che poi ...è piemontese ??

    RispondiElimina
  12. Forza che è una situazione passeggera e quando Ruben sarà più grandicello, ti potrai rifare dei mesi persi!!!Questo risotto comunque è divino e il tuo articolo sul Cavolo Verde esaudiente e molto utile! Brava!!!Un bacione

    RispondiElimina
  13. Stringi i denti per qualche mesetto, le intolleranze passano! Nel frattempo ti consoli con splendidi piatti come questo! :)

    RispondiElimina
  14. Per me sarebbe una tragedia. Giuro, non so se riuscirei a vivere senza formaggi... toglietemi il latte, lo yoghurt, magari anche la panna, ma il formaggio no! Il risotto è stupendo, ma immagino che sofferenza non poterlo assaggiare...

    RispondiElimina
  15. Mi dispiace un sacco tesoro per il piccolo e di conseguenza per la tua astinenza forzata. Spero sia solo un problema temporaneo e che presto potrai tornare a deliziarti di formaggi. Anch’io non saprei stare lontana dai latticini in genere. Questo risotto ha un colore splendido, ance se quel bicchiere di barbera mi mette un po’ in crisi !!! Un baciotto, vado a leggere l’articolo :)

    RispondiElimina
  16. mi spiace veramente tanto.. rinunciare a ciò che ci piace di più è sempre una batosta, ne so qualcosa.. glicemia alta x un'ipergolosa incinta!
    ma quanti sacrifici si fanno x i pargoli?
    vedrai che appena passa tutto poi potrai rituffarti nella forma di formaggio!
    intanto questo risotto è godereccio parecchio!!
    ciao
    Paola

    RispondiElimina
  17. Mi dispiace che tu debba rinunciare al formaggio, ma sarà una cosa passeggera dai :)
    bellissimo questo piatto :*

    RispondiElimina
  18. Con le nocciole... voglio prorpio provarlo:)

    RispondiElimina
  19. Mamma mia che bel risotto! Ti capisco: queste rinunce sono davvero una mazzata...ma sono certa che prestissimo potrai rifarti con gli interessi...Guarda per solidarietà di dico che NON copierò questa ricetta :-)
    Un abbraccio forte
    simo

    RispondiElimina
  20. come capisco la fatica dell'astinenza!!! e questa ricetta è troppo bella!!

    RispondiElimina
  21. Che buon risottino! Mi dispiace che tu debba rinunciare ai formaggi! Spero che questo periodo finisca presto per te. Ciao

    RispondiElimina
  22. Hai tutta la mia comprensione e solidarietà! Io latte latticini e formaggi non li posso mangiare, ma mi piacciono così tanto che mi ci farei il bagno! Allora quando qualche volta me li concedo è una vera festa!
    Questo risotto rientrerà sicuramente in una di quelle occasioni perché deve essere meravigliosamente squisito!
    baci

    RispondiElimina
  23. ragazzi che abbinameni interessanti e perfetti per l'autunno che ancora non vuole arrivare! buona giornata, Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  24. Vedrai che passerà presto!Il tuo risotto è uscito benissimo..

    RispondiElimina
  25. cavolo che sfiga!!!! il risotto mi sembra eccezionale. un bacio

    RispondiElimina
  26. Beh, posso capire la disperazione..ma sono sicura che riuscirai a cucinare piatti altrettanto gustosi anche senza formaggio! E poi sarà solo per un periodo giusto?! ^_*
    Passo di qui anche per invitarti alla mia prima raccolta..sei stata la prima persona a commentare sul mio blog, quindi se decidessi di partecipare ne sarei molto felice! ^_^
    Un bacione!

    RispondiElimina
  27. le ricette di riso non sono mai abbastanza.
    Vedrai che sarà solo temporanea la tua astinenza da latte vaccino e derivati, sei sicura che quelli di capra siano off limits???

    RispondiElimina
  28. Mi spiace davvero molto... ma la ricetta mica "scade" per fortuna. Una volta passato l'allattamento ti potrai sempre rifare ;-)

    RispondiElimina
  29. Buono questo riso! molto particolare!!!
    Ti invito a partecipare al mio nuovo contest, ti lascio il link: http://pandiramerino.blogspot.com/2011/10/la-toscana-nel-piatto-il-mio-nuovo.html
    bacioni e a presto!!!

    RispondiElimina
  30. che peccato!! è capitato anche a me per tutti e due i bimbi! Sono stata senza latte e derivati per mesi... ora però è passato tutto meno male!!questo risotto è davvero invitante non so come hai fatto a resistere! a presto :) Laura

    RispondiElimina
  31. Quanto è sfizioso questo risotto, lo annoto, grazie!!!!

    RispondiElimina