mercoledì 29 giugno 2011

CIN CIN !!!...


Almeno una volta all'anno cerchiamo di concederci una breve scappata a Marsiglia da nostro cugino Maurice.
Maurice è un personaggio d'altri tempi che vive in una bellissima casa immersa nella campagna provenzale gelosamente protetto dai suoi due splendidi cani.... e da una collezione di armi che testimoniano il suo passato militare.
Maurice è un uomo che ama molto la famiglia e la buona tavola e ritrovarsi con lui è per noi tutti una gioia. Con lui le ore scorrono quasi senza accorgersene tra chiacchiere, cibo e buon vino.
In queste occasioni Maurice ama condividere la sua riserva di Champagne, ed è grazie a lui che abbiamo imparato ad apprezzare questo vino fino in fondo.
Per noi italiani lo Champagne è quasi sempre sinonimo di grandi marche costosissime e che personalmente mi lasciano un po’ di disappunto.
Maurice ama rifornirsi ogni anno presso una cooperativa di produttori della regione dell’Arce, la zona più a sud delle tre dove lo Champagne viene prodotto.
…. e così, con la “scusa” di visitare una regione splendida come quella dove lo Champagne viene prodotto, ci siamo ritrovati un giorno con il nostro camperino a Ville sur Arce di fronte al cancello di Chassenay d’Arce.

Il “rifornimento” del camper è stato preceduto da una visita guidata e da una degustazione che ci ha permesso di apprezzare le sottile differenze tra i cepages che compongono il bouquet dei diversi tipi di Champagne prodotti. La sorpresa più grossa è stata scoprire che il top della gamma (assolutamente da provare !!!) costa meno della bottiglia più economica che si trova da noi nei supermercati.
Imperdibile poi è la visita di Reims, 150 km più a nord, la “cattedrale” dello Champagne dove si possono visitare le sue famose cantine, veri labirinti scavati sotto la città. Per la verità le visite guidate delle grandi maison ci hanno fatto rimpiangere  l’atmosfera di cordialità e familiarità che avevamo trovato da Chassenay.

Sicuramente molti di voi visiteranno la Francia, cogliete l’occasione di fare una piccola deviazione dalle rotte turistiche tradizionali per una puntata a Ville sur Arce!
… e per farvi venire più voglia vi propongo una sfiziosa ricetta a base di Champagne che dovrete con sacrificio sottrarre alla vostra sete!






Verrine di champagne e frutta di stagione


250 ML ACQUA TIEPIDA
7 GR GELATINA
100 GR ZUCCHERO
200 ML CHAMPAGNE
SUCCO DI ½ LIMONE
12 KUMQUAT
12 CILIEGIE
FIORI DI CAMOMILLA



Sciogliere la gelatina in metà acqua per qualche minuto in modo che si ammorbidisca.
Intanto far scaldare l'altra metà di acqua in un pentolino con lo zucchero e girare fino al completo scioglimento.
Aggiungere la gelatina ammollata e precedentemente strizzata.
Versare poi delicatamente lo champagne, mescolando delicatamente e togliere dal fuoco.
Pulire la frutta e dividere le ciliegie a metà privandole del torsolo e tagliare a rondelle i kumquat.
Versare una parte del nostro composto allo champagne in una verrina, buttare dentro qualche frutto e qualche fiore di camomilla e riporre in frigo per almeno una ora.
Ripetere questa operazione per tre volte in modo da gelatificare la frutta a più strati fino ad esaurimento del composto.
Se per caso il composto avanzato nel pentolino si dovesse nel frattempo rapprendere riscaldarlo per qualche minuto.




32 commenti:

  1. foto deliziose...come l esperienza sicuramente

    RispondiElimina
  2. Ciao Lucia,
    finalmente posso passare da te per un saluto!
    Bellissimo post e che invidia per voi che potete andare ogni volta in Francia da cugino:(( Le foto sono bellissime, sei sempre più brava. Mi piace tantissimo quel cucchiaino e il centrino a "chiacchiere":))
    Bacione

    RispondiElimina
  3. Questo si che é un drink coi fiocchi e senza rovinarsi! Brava, me lo segno! :)

    RispondiElimina
  4. ma che viaggio stupendo nella zona dello Champagne avete fatto!
    Grazie anche per le dritte e.... cin cin, un brindisi a te!

    RispondiElimina
  5. Queste foto hanno qualcosa di magico ^__^ Un bacione

    RispondiElimina
  6. ciao....davvero interessante questo drink......ma davvero interessante è sapere che c'è un posto dove lo champagne non costa quanto il mio stipendio.....

    RispondiElimina
  7. Che bontà queste verrine e che bei colori! Interessante la tua visita alle cantine dello champagne...

    RispondiElimina
  8. marsiglia e cassis sono nell'elenco....mai visitate ma quanto mi ispiranoooo!!!!!

    RispondiElimina
  9. posso andare a trovare Maurice?

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia di presentazione! E che fortuna avere un cugino così!! Grazie per le indicazioni! Potrebbe essere che riusciamo ad organizzare un week end lungo in Francia... non si sa mai!! Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  11. Ma i stata a Marsiglia, ma mi piacerebbe tanto andarci...fosse solo per lo champagne!!! Questi bicchieri sanno di buono e di fresco...golosissimi!

    RispondiElimina
  12. Che buono!Lo berrei volentieri adesso!

    RispondiElimina
  13. Lucia,
    Que maravilha de bebida... Gostei muito da receita, as cores estão lindas : ) Perfeita para estes dias de calor.

    Beijinhos

    RispondiElimina
  14. bellissima idea! Molto fresca e semplice ma sicuro di grande effetto!!

    RispondiElimina
  15. Sento già le bollicine! La tua presentazione è talmente invogliante... e poi Marsiglia... Mi hai fatto fare un bellissimo tuffo nel passato, grazie!

    RispondiElimina
  16. Che bello poter ogni tanto prendersi un piccolo intermezzo, in tutti i sensi: col camper.. con le bollicine.. eh che voglia!

    RispondiElimina
  17. spettacolooooooooooooo!!! complimenti....

    RispondiElimina
  18. Finalmente riesco a commentare, non mi sembra vero!
    Faccio tesoro del tuo consiglio e ne prendo nota :D

    RispondiElimina
  19. Ma tesora me questa gelatina allo champagne è chicchissima!!!!Mi piace da morire l'idea e poi non poteva mancare il tuo tocco floreale!!!Un baciottone!

    RispondiElimina
  20. Adoro le gelatine e quando ne vedo in giro sono sempre molto attratta. L'idea di provarne di diverse mi piace un sacco e questa allo champagne è veramente favolosa....
    Devo procurarmi una bottiglia ed evitare di berla tutta appena stappata :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  21. Sì, è vero, dai piccoli produttori si trovano bottiglie di champagne a prezzi decisamente più modici. La regione della Champagne è stupenda, un luogo davvero da visitare.

    RispondiElimina
  22. c'est frais et riche en saveurs j'en raffole
    bonne journée

    RispondiElimina
  23. Il prossimo we sono in Costa Azzurra: prendo nota!

    RispondiElimina
  24. Wow che bel viaggetto! Non sono mai andata a Marsiglia, mi piacerebbe!

    RispondiElimina
  25. come vorrei avere un maurice da andare a trovare! bellissima idea queste verrine!

    RispondiElimina
  26. Ciao Lucia, hai assolutamente ragione : le piccole cantine ti trasferiscono quell'umanità del vino, quell'attaccamento alla terra che le grandi aziende davvero non danno. Ci sono piccoli produttori che producono delle vere perle. Io comunque amo la francia, è fra le mie mete preferite, e quindi mi ritengo abbastanza di parte.
    Difficile rinunciare ad un pò di champagne, ma per questa gelatina si può (anzi .. si deve) fare !!!! manu

    RispondiElimina
  27. Che bello leggere le tue presentazioni, io faccio questo tipo di verrine ma.....uso il succodi mela :-(
    Un bacio.

    RispondiElimina
  28. Además de tener una bonita presencia, debe estar riquísima esta bebida.

    Besos,

    RispondiElimina
  29. Grazie per la visita e il commento gentile.
    Molto bella combinazione!
    Baci.

    RispondiElimina