martedì 29 marzo 2016

SPIANATA SARDA

La spianata sarda è un pane tipico di questa regione preparato con semola e sporzionato con un apposito attrezzo, un cerchio dentellato che si chiama sa pintadera.
Questo pane si prepara con il lievito madre ma io ho cercato di farlo con il lievito di birra, vi riporto comunque le due versioni.





SPIANATA SARDA


1 KG semola
200 GR lievito madre
22 gr sale
Acqua q.b.
Oppure
1 kg semola
22 gr sale
10 gr zucchero
10 gr lievito di birra


Stemperare il lievito madre in una terrina con poca acqua tiepida e poi impastare bene.
Al termine modellare una palla, coprire e lasciare lievitare in un posto caldo almeno per tre ore ottenendo così “sa madrighe”.
Lavorare il lievito con il resto della farina aggiungendo ancora un po’ di acqua dove avete sciolto il sale fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
(per il lievito di birra impastare gli ingredienti almeno 24 ore prima e lasciare lievitare prima in frigo per 12 ore e le restanti fuori).
Trascorsi i tempi di lievitazione allungare la pasta a cilindro e poi tagliarlo a fette fino a ottenere delle palline grandi come una mela.

Stendere la pasta sottile fino ad ottenere delle sfoglie di spessore di pochi millimetri, coppare con un cerchio o l’attrezzo apposito e poi cuocere le sfoglie nel forno finché si formeranno delle bollicine dorate.
N.B. da servire proprio come accompagnamento alle pietanze.



9 commenti:

  1. che meraivglia, sembra una nuvola!

    RispondiElimina
  2. Che pane strepitoso,grazie per la condivisione,buona giornata

    RispondiElimina
  3. Un pane meraviglioso! L'ho visto in un servizio alla televisione e ne sono rimasta incantata! Grazie per aver condiviso :-)
    Mimma

    RispondiElimina
  4. CHISSA' CHE BUONE, M'ISPIRANO MOLTISSIMO!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  5. oddìo che meraviglia, sembra bello croccantoso e leggerissimo come una piuma alo stesso tempo :) un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  6. Che belle che ti sono venute, delle nuvole!

    RispondiElimina
  7. Non lo conoscevo, proverò con la pasta madre!

    RispondiElimina