domenica 8 giugno 2014

PIZZA FRITTA


Napoli e' anche street food e sicuramente la pizza fritta merita una particolare menzione.
Ma quali sono i segreti per una perfetta pizza fritta?...ce li spiega il mastro pizzaiolo Luigi D'Alessio, che ha soddisfatto i clienti per la manifestazione Maggio sui Maccheroni nei chiostri di S.Chiara.
Di lui ne sentirete parlare ancora ma per il momento godetevi questi consigli.




La pizza fritta è il più antico cibo dello street food partenopeo, si mangia per merenda, per aperitivo, per coprire quel colpo di fame che colpisce nell'attraversare a piedi la città, nel centro antico, nei mercati, quando ci si sente attratto dall'odore dell'olio fritto che inonda i vicoli stretti e bui tagliati da raggi di sole splendenti che piovono dall'alto, o quando ci si ripara dalla pioggia scrosciante o dal freddo e vento tagliente, si mangia sempre, in tutte l stagioni, tutti i giorni, a qualsiasi ora..in piedi, avvolta in carta assorbente e scottandosi le dita!
L'impasto della pizza fritta è fatta con acqua, farina, sale, preferibilmente lievito madre, con una lenta lievitazione di almeno 36 ore, si ricava una pasta morbida, elastica che s'imbottisce, chiudendola accuratamente, tipicamente con ricotta e salumi, o solo ricotta e latticini, qualcuno aggiunge una cucchiaiata di salsa di pomodoro...la si frigge in una larga padella di ferro, con abbondante olio di arachide bollente, il magico fagotto deve affogare nell'olio, chi la frigge, l'accarezza da ogni lato, rigirandola, aiutato da un cucchiaio largo a raggio, una volta bella dorata, la pizza fritta si appoggia nel gocciolatoio per far asciugare l'olio in eccesso, la si avvolge in carta assorbente e la si affida nelle mani di chi la consuma 
Io la propongo anche versioni innovative, con verdure e formaggi vari.
Un ingrediente determinante è l'amore necessario nel portare avanti tutte le operazioni necessarie e procurarsi gli ingredienti di qualità, allora il risultato è unico, ed il gusto varia, come ogni pietanza, a seconda di chi la prepara, che con la sua sensibilità trasferisce il suo quid, il suo sentimento, ognuno la fà con il suo genius!





6 commenti:

  1. carissima mi hai riportato nelle strade del mio amato e odiato paese,il ricordo di quel profumo che ti inondava e ti faceva venir fame anche se non prima non l'avevi, buonissima la pizza fritta,finger food per eccellenza,buona domenica ,un bacione forte forte a te ed alla mia città

    RispondiElimina
  2. Quanti ricordi, da piccolo mio padre mi portava sempre a mangiare la pizza fritta con la ricotta, che buona che era, dovrò provare a farla anche se purtroppo non sarà lo stesso.

    RispondiElimina
  3. Ricordano le frittelle luna park, molto buoni !!! :) Claudia

    RispondiElimina
  4. Ma che bel blog di cucina cara Lucy e quello della pizza fritta è veramente una cosa sublime..
    Cosa che ho scoperto in montagna , avendo delle pizze surgelate e non potendo usare il forno perchè rotto..
    Fu una delle migliori scoperte della mia vota.. Gustosissima..
    Mi sono iscritta in mezzo a quel grande mondo dei tuoi amici, spero di esserlo anch'io e che tu voglia ricambiare!
    Grazie e un abbraccio!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. pizza fritta vieni a noi!!! la adoriamo, la cucina è uno dei motivi per cui amiamo napoli

    RispondiElimina
  6. À découvrir incontestablement en marchant dans les rues de Naples!
    Lou

    RispondiElimina