venerdì 9 marzo 2012

PASSATELLI




Stavolta vi chiederete perche’ vi propongo un piatto che non fa proprio parte della mia tradizone culinaria.
Permettetemi quindi di spiegarvi il mio primo incontro con questo primo particolare.
Avevo circa dieci anni quando andammo a trovare dei cari amici a Modena e ovviamente conoscendo un pochino di cucina mi aspettavo, da golosona quale sono, di mangiare la piadina.
Ma alla sera arrivo' in tavola un piatto fumante di passatelli in brodo.
Ora immaginatevi la faccia di una bambina delusa e potete cosi' vedermi...il brodo?e quei vermicelli?: educatamente pero' decisi di assaggiarli.
Gia' dal primo boccone ne fui conquistata e nonostante le mie titubanze feci il bis: un nuovo mondo mi si era aperto....nel brodo non si mangiano solo pallide  minestrine!
Permettemi quindi di presentarvi questi passatelli su crema di zucca con limone candido, proprio come omaggio a una delle ricette della tradizione contadina e povera che amo di piu' anche se non viene dal Piemonte, e che serva come monito per dirvi che non bisogna mai fermarsi alle apparenze neanche in cucina! 


x i passatelli
200 GR PANE GRATTATO
150 GR PARMIGIANO REGGIANO
2 UOVA PICCOLE
NOCE MOSCATA
SALE, PEPE

x le scorzette
1 LIMONE
100 GR ZUCCHERO
200 GR ACQUA

x la crema
300 GR ZUCCA PULITA (io mantovana)
1/2 LT BRODO VEGETALE
SALE
1 CIPOLLA


Si puo' procedere prima con le scorzette che si conservano in frigo per parecchio tempo.
Portare a bollore un pentolino d'acqua ed aggiungervi le bucce tagliate a julienne, farle bollire una sola volta  tre minuti in maniera che restino un poco amarognole, quindi scolarle e versarle nello sciroppo preparato con lo zucchero e l'acqua e cuocere fino a quando non risulteranno trasparenti.
Lasciar raffreddare e tenere da parte.
Dopo avere pulito la zucca tagliarla a pezzetti.
Affettare la cipolla e porla a soffriggere, appena prende colore aggiungere la zucca e  mescolando,lasciate ammorbidire. Aggiungete a poco a poco il brodo.Regolare di sale.
Ssempre aggiungendo il brodo quando serve, lasciate cuocere il tutto per circa 25-30 minuti a fuoco dolce; trascorso il tempo necessario,  passate la crema al minipinner e tenere al caldo.
Per fare i passatelli impastare il pane grattugiato con le uova, il parmigiano,  la noce moscata, il sale e il pepe, fino ad ottenere un impasto compatto e abbastanza duro. Mettere poi una pallina del composto in uno schiacciapatate per ottenere la classica forma dei passatelli. Cuocerli nell'acqua salata bollente per pochi minuti, poi scolarli. componendo il nostro piatto.
Versare nelle fondine la crema di zucca, poi i passatelli e infine le scorzette di limone.


24 commenti:

  1. E' un pò prestino,.....ma questa zuppetta di zucca con passatelli me la mangerei anche adesso.
    Dev'essere gustosissima!

    RispondiElimina
  2. Quanti ricordi di bambina ho legati ai passatelli in brodo ^_^ Mamma non aveva il ferro per farli e sapendo che mi piaceveno tanto, me li portava sempre la mia vicina di casa quando li preparava. Gran bella rivisitazione con la crema di zucca, le sciorzette di limone candite sono la ciligina sulla torta ^_^ Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  3. Mai mangiati i passatelli... :( Queste foto sono così belle che m'invogliano parecchio!!!!

    RispondiElimina
  4. bellissimo piatto con questi colori così solari
    semplice e ottimo!
    un abbraccio e buon week end

    RispondiElimina
  5. I passatelli in brodo sono i miei preferiti. Certo che questa tua rivisitazione debbo provarla proprio.

    RispondiElimina
  6. Visto che per metà sono romagnola so quanto sono buoni i passatelli! Ora mi sono aggiunta ai tuoi lettori così ti seguo...grazie per essere passata da me! A presto

    RispondiElimina
  7. questi li assaggerei volentierissimo! reinterpretazione magistrale!
    buona giornata
    spery

    RispondiElimina
  8. che delizia...complimenti...

    RispondiElimina
  9. Che buoni!!Adoro la zucca e anche i passatelli....

    RispondiElimina
  10. Io adoro i passatelli!!! Li ho sempre comprati e mai fatti in casa perchè non ho l'attrezzino giusto! Però con il passapatate potrei provare!!!
    Un bacio, ciao!!!

    RispondiElimina
  11. I love Passatelli. Never had it in that type of broth. We had a neighbor who would give me a bag of the Passatelli for my birthday every year!

    RispondiElimina
  12. adoro i passatelli..ma non li ho mai fatti a casa! graazie per la ricettina :)

    RispondiElimina
  13. Fa gola anche a me questo primo! E quelle scorzette che donano freschezza...Ovviamente condivido in pieno il tuo pensiero: non bisogna porsi limiti in cucina e non bisogna avere preconcetti! Un bacio

    RispondiElimina
  14. mi piace i:) complimenti splendide ricette e ti seguo con molto piacere passa nel mio blog anche se sono alle prima armi se ti va ciao :)l tuo blog

    RispondiElimina
  15. Ciao!!!Grazie di essere passata da me!!! Buoni i passatelli, qua da noi in romagna ne facciamo un sacco d'inverno!!!mi unisco ai tuoi lettori!!! A presto

    RispondiElimina
  16. Ecco io i passatelli non li ho mai assaggiati :(
    Delizioso l'abbinamento con la zucca ed il limone candito :D

    RispondiElimina
  17. NON FANNO PARTE NEMMENO DELLA MIA TRADIZIONE MA CHE BELL'ASPETTO!!

    RispondiElimina
  18. mi piace il tu complimenti splendide ricette e ti seguo con molto piacere...passa nel mio blog anche se sma ono i alle prarmi se ti va ciao :)o blog

    RispondiElimina
  19. Buoni i passatelli e poi con questa combinazione,sono troppo golosi...complimenti per il blog e per le ricette ! Da oggi ti seguo...un saluto e buona domenica Roberta !

    RispondiElimina
  20. Devono essere veramente buoni ... devo provarli!

    RispondiElimina
  21. io li adoro i passatelli!li mangio spessissimo con il brodo di mammina! :-)

    RispondiElimina
  22. buonissimi, ci credi che li ho mangiati una volta sola? però mi son rimasti impressi, erano deliziosi. Poi sulla crema di zucca saranno fenomenali. Brava!

    RispondiElimina
  23. mi hai dato una dritta bellissima: quella di fare i passatelli con lo schiacciapatate. Erano secoli che cercavo l'attrezzo specifico ma sempre a vuoto (forse perchè non sono emiliana...). Ora che mi hai dato un'idea utilissima posso cimentarmi anche io, grazie!

    RispondiElimina