lunedì 31 ottobre 2011

SGRASSIAMO

Piatto Villa d'Este home

Ho bisogno di una zuppa per sgrassare le mille calorie ingurgitate giovedì al corso.
Come vi ho già detto il giovedì sera frequento un corso di cucina su menù di grandi chef; il primo in questione era Paul Bocuse.
Abbiamo trattato ricette del passato, grandi successi che hanno costellato la sua carriera; il famoso coq au vin per esempio è un un vero tripudio di sapore e profumo e sicuramente merita di essere citato come uno dei migliori piatti che abbia mai assaggiato.
Ma sono rimasta sconcertata dalla quantità notevole di burro impiegato, panetti di burro finivano così senza problemi nelle padelle. E quando dico panetti vi assicuro che non è una esagerazione ma la realtà di una cucina a cui noi non siamo molto abituati.
Alla fine della serata di sicuro ho avuto la consapevolezza di aver assaggiato ottime ricette ma mi sentivo leggermente appesantita; di sicuro il latte che ho dato a Ruben dopo era molto più sostanzioso!!!
Una zuppa quindi ci vuole anche se questa di finocchi con quenelles di merluzzo può essere tranquillamente usata come piatto completo per la presenza di questo pesce che non è proprio leggero.


X 4 persone
3 KG FINOCCHI
1 KG PATATE
30 GR SCALOGNO
400 GR FILETTI DI MERLUZZO AMMOLLATO
OLIO DI SEMI Q.B.
OLIO DI OLIVA
SALE
PEPE
MAZZETTO DI ERBETTE
300 ML LATTE

In una casseruola far soffriggere in poco olio lo scalogno, aggiungere i finocchi e le patate tagliati a pezzettoni.
Bagnare con un po' di acqua fino a coprire le verdure, regolare di sale e poi cuocere a fuoco vivo per 30 minuti circa.
pulire i filetti precedentemente ammollati da eventuali spine e poi mettere a far cuocere in un pentolino dai bordi alti con del latte e il mazzetto di erbette.
Appena vedete che la carne diventa morbida e quindi si sarà assorbito quasi del tutto il latte, prelevare il filetto e porlo su carta assorbente e poi togliere la pelle.
Frullare poi il pesce nel mixer e, come per la maionese, aggiungere a filo pian piano l'olio di semi.
(Io che uso pochissimo l'olio di semi vi posso assicurare che in questa preparazione è però necessario perché il suo gusto non deve contrastare con il sapore del pesce)
Frullare aggiungendo olio fintanto che vedete che si forma una crema.
A questo punto raccogliete la vostra crema al merluzzo in una scodella, aggiungere un po' di pepe e lasciar riposare per almeno una ora.
(Questa operazione del pesce può essere tranquillamente eseguita il giorno precedente, sarà più gustosa e vi avvantaggerà)
Una volta che le verdure saranno cotte frullarle e servire nei piatti.
Formare con un cucchiaino delle piccole quenelles di crema di merluzzo e disporle sopra la nostra vellutata.
Spolverizzare di pepe e versare qualche goccia di olio.
Piatto e bicchiere Villa d'Este home

20 commenti:

  1. che bello frequentare un bel corso di cucina con i fiocchi...mi piacerebbe anche a me.... comunque questa tua zuppa di finocchi ha un bellissimo aspetto..bacio simmy

    RispondiElimina
  2. hai ragione sul bisogno di sgrassare!

    RispondiElimina
  3. buonissimo questa zuppa e mi piace l'idea di completarla con il merluzzo! buona giornata,un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Bello il completamente del piatto che lo rende un pasto leggero ma gustosissimo!

    RispondiElimina
  5. se è sgrassante è proprio ciò di cui ho bisogno!!!che buona!

    RispondiElimina
  6. ci manteniamo sul leggero adesso con l'arrivo delle feste ci sarà da mangiare.

    RispondiElimina
  7. Io che il burro non lo uso quasi mai sarei inorridita...Però con questa storia del coq au vin mi hai incuriosita...Aspetto la ricetta, tanto sono certa che prima o poi la condividerai qui con noi :-)! E questa vellutata mi piace molto...Pesce e verdure per un piatto salutare e saporito! Un bacione

    RispondiElimina
  8. Che bella zuppetta calda e leggere...è perfetta per smaltire un pò di calorie accumulate durante questo ponte!

    RispondiElimina
  9. in questi giorni devo comprare un nuovo robot da cucina... per iniziare la stagione delle vellutate .... la tua ricetta verrà sicuramente testata

    RispondiElimina
  10. Che splendida zuppa, delicata e leggera ma al tempo stesso saporita e bellissima!

    RispondiElimina
  11. Deve essere veramente interessante frequentare un corso di cucina dove si preparano ricette un po' diverse da quelle della nostra tradizione. Certo però che tutto quel burro non è proprio salutare... meglio disintossicarsi con una zuppa leggera.

    RispondiElimina
  12. Che bello che dev'essere il corso che frequenti... stupenda anche questa ricettina! Adoro queste creme, portano solo benessere al nostro corpo! Complimenti!

    RispondiElimina
  13. Sì, però l'immagine del panetto di burro che ondeggia nella padella, spumeggiando, almeno a me comunica un'immagine di godimento impareggiabile... ma, come hai detto tu, non si può sempre mangiare così: ben venga, quindi, una zuppetta, che stasera, dopo un weekend all'insegna dei ricchi piatti di mammà, preparerò anch'io!

    RispondiElimina
  14. Ciao Lucy...mi piace molto anche la tua versione di "finocchi e pesce", molto elegante! Un bacione!

    RispondiElimina
  15. Un piatto molto raffinato secondo me!!!! Da provare!! Ciao!!!

    RispondiElimina
  16. Bello questo piatto, mi piace

    RispondiElimina
  17. Io oggi sgrasserei volentieri dopo tutto quello che ho mangiato ieri, soprattutto la torta al triplo cioccolato che sono stata costretta a mangiare! :P
    E poi con i finocchi dell'orto che tra poco arriveranno questa ricetta sarà perfetta!!

    RispondiElimina
  18. Ciao Lucy, sono diventata anch'io riluttante al burro,certe preparazioni e certi ingredienti però lo preferiscono (vedi i porri)io uso il burro di soia così metto in pace la coscenza ed accontento preparazioni ed ingredienti.
    Bacio grande...

    RispondiElimina
  19. Favolosa questa zuppa! Voglio provarla! Senti, te hai mica già partecipato al concorso Santa Cristina "stappa e scatta"? io pensavo di fotografare una mia ricetta in abbinamento al vino. Che ne pensi?
    Ciao
    Laura

    RispondiElimina