giovedì 28 aprile 2011

UN DOLCE FRANCESE


Tutto nacque quando mia cognata partecipò qualche settimana fa ad un corso di cucina in francese specializzato sulla cucina bretone.
Ovviamente per deformazione professionale la implorai di passarmi le ricette che devo dire sono state studiate con molto interesse e sopratutto sono stata ammirata dalla varietà di pesce che usano abitualmente,
Ma alla fine la ricetta che più mi ha incuriosito è stata quella del far breton, ero veramente rapita dalla possibile consistenza del dolce.
Da allora giuro che in tutti i libri di cucina che ho sfogliato ricorreva la ricetta di questo dolce; sarà stato per caso un segno del destino?!
Ovviamente si, è come se le pagine dei libri mi sussurrassero......lo dovevo provare subito e proprio nella versione più classica come quella lei ha imparato al corso.
Ora per senso di dovere dovrei darvela in francese perché il merito non è il mio che stavolta mi sono limitata a copiarla di pari passo, ma l'ho tradotta per voi.
Che dire....un misto tra un creme caramel e un cheese cake senza formaggio; la si può mangiare con le mani ma deliziarsi con il cucchiaio..Insomma strana ma veramente deliziosa, di sicuro una ottima variante ai soliti dolci, rimanendo comunque fresca e dal cuore morbido ben si adatta a questa stagione.
Vi lascio allora alla ricetta originale consigliandovi di provarla!

250 GR PRUGNE SECCHE
100 FARINA
80 GR MAIZENA
1 CUCCHIAIO DI LIEVITO PER DOLCI
4 UOVA
150 GR ZUCCHERO
¾ DI LITRO DI LATTE
50 GR BURRO
UN PIZZICO SALE
CANNELLA

Imburrare una teglia dai bordi alti prima di mettervi le prugne.
Mescolare in una ciotola la farina, lo zucchero, il sale, la maizena, il lievito e le uova e continuando a girare aggiungere il latte intiepidito poco alla volta.
Versare la crema liquida sopra le prugne.
Versare sulla superficie la cannella e il burro rimasto a fiocchetti.
Fate cuocere a fuoco medio per 40 minuti.
Servire tiepida o fredda.

Comunicazione di servizio:volevo ringraziare Katia, l'artista e Sammy, la grafica ed esperta di computer, per il nuovo abitino del blog!

32 commenti:

  1. E' da una vita che sogno di provare questo dolce...che meraviglia ti è venuto!

    RispondiElimina
  2. Sono i dolci che adoro, mi sembra anche semplice da fare..al volo per un ospite improvviso, ciao, buona giornata.

    RispondiElimina
  3. Wow, ora che mi sono lanciata con i corsi di cucina (sto facendo quello della cucina italiana sul pesce, molto interessante!) mi piacerebbe essere al posto di tua cognata! Beh, intanto mi segno la tua ricetta e vedrai che la provo! Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Ma che bontà. Voglio provarla. Questi quantitativi bastano per quante persone? E secondo te si può fare anche in pirottini monodose?

    RispondiElimina
  5. Ah ah ah! Oggi abbiamo pubblicato praticamente lo stesso dolce ma con due ricette diverse! :-DDD
    Bellissimo il tuo!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  6. che buono questo dolce! adoro la cucina bretone...

    RispondiElimina
  7. davvero meraviglioso questo dolce..

    RispondiElimina
  8. Non ho mai assaggiato questo dolce....dopo la tua descrizione sono moooolto curiosa di provarlo.

    RispondiElimina
  9. Un dolce parecchio intrigante... brava e complimenti per il vestito nuovo!

    RispondiElimina
  10. E' la seconda che vede stamattina..sarà segno del destino? Mi ispira tanto la consistenza di questo dolce. Bello il nuovo look, un bacione

    RispondiElimina
  11. Perché no... ha un aspetto stupendo!
    Prendo nota e ti farò sapere!

    RispondiElimina
  12. Complimenti per il vestitino del blog, e per questa ricetta che non conoscevo ma che mi ha subito affascinata, bacioni.

    RispondiElimina
  13. Ciao! Fantastica ricettina! Io e la mia collaboratrice vorremmo invitarti personalmente a NASO DA TARTUFO’s KITCHEN, la nostra nuova iniziativa! Partecipa alla sfida!! Più si è più si vince…e si vince tanto! vieni a leggere sul nostro blog http://www.nasodatartufo.blogspot.com come partecipare! ti aspettiamo!

    RispondiElimina
  14. Oh oui, une recette fantastique!!!!!!
    E' un dolce veramente buono, grazie alle tue foto saranno in pochi a restistere alla tentazione di rifarlo!!!!

    RispondiElimina
  15. Mi intriga moltissimo questa torta, adoro i dolci umidi e cremosi di consistenza come questa che sembra da lontano una classica torta di ricotta ma che deve avere un aroma ed una "texture" per dirla alla francese, veramente da sogno. GRazie per averla condivisa. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  16. Sono estremamente incuriosita anch'io dalla consistenza di questo dolce, dalla foto sembra delizioso! Da provare!

    RispondiElimina
  17. Desde luego el aspecto es riquísimo. Me encanta y tiene que estar fabuloso.

    Besos,

    RispondiElimina
  18. @ antonella...si si possono fare in pirottini singoli.Calcola che se ne mangia poco per via della consistenza.direi ampiamente per otto persone le mie dosi!

    RispondiElimina
  19. Questa torta mi fa venire le farfalle nella pancia...è proprio il mio genere!!!!Da segnare!!!Bacio!

    RispondiElimina
  20. bellissima !salvato in preferiti e da fare al piu presto

    RispondiElimina
  21. Che assoluta golosità Cara...complimenti,sempre orginale e bello da vedere il tuo blogghino!!!;-)
    Un bacione*

    RispondiElimina
  22. Era da tanto che volevo provarla anche io...e dopo questa tua presentazione e queste foto così invitanti...beh, non ho più scuse! Devo farla assolutamente!

    RispondiElimina
  23. Complimenti per la nuova veste del blog e grazie per averci tradotto questa splendida ricetta che voglio provare da tanto tempo.

    RispondiElimina
  24. BUENISIMO ...ME LO APUNTO ..PARECE UN PUDING ..IDEAL ..BSSSS MARIMI

    RispondiElimina
  25. Un dolce che non conosco e mi sembra interessante... Mi unisco all'espressione qui sopra "mi fa venire le farfalle nella pancia" ! Un abbraccione !

    RispondiElimina
  26. Ma sai che questo dolce non l'ho mai mangiato e lo conoscevo a malapena?! Però in compenso dalla signora del bistrot, serviamo del sidro proveniente direttamente dalla Bretagna(la sua terra) e pian pianino anche io mi avvicinerò a questo mondo, almeno culinariamente partlando! La tua ricetta gliela farò vedere, poi ti dico. Un bacione

    RispondiElimina
  27. L'avevo vista un paio di volte sulla rivista "cucina moderna"(non è pubblicità:)), sempre in versione dolce:con prugne e albicocche...mi sono sempre promessa di farlo. Mi segno la tua ricetta, m'hai conquistata! Buona serata!

    RispondiElimina
  28. Complimenti per avere provato questo dolce che piace anche a me e mi ricorda i soggiorni in Bretagna, senza dimenticare le crepes salate e dolci accompagnate da una scodella di cidro e le ostriche.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  29. Il far breton intriga da tempi anche me, devo decidermi a provarlo! :)
    il tuo mi sembra riuscito davvero bene!:)

    RispondiElimina