mercoledì 2 novembre 2011

A CENA CON...



Da oggi partirà una nuova rubrica “A cena con...” gli chef che saranno di volta in volta diversi.
L'idea di questa rubrica nasce dal fatto che alla fine tutti noi abbiamo imparato qualcosa dai grandi chef e con avidità e curiosità abbiamo letto alcune delle loro ricette o al congtrario altre volte invece ci abbiamo rinunciato perché abbiamo erroneamente pensato che sarebbero stati inavvicinabili e troppo complicate.
Ma da loro dobbiamo, a mio avviso, sempre imparare l'amore che mettono nella cura della lavorazione delle materie prime per esaltarne di più il sapore.
Inauguro così la rubrica partendo dalle basi e quindi da buona piemontese vi propongo una delle ricette di Giovanni Goria.
Ora non tutti sanno che è uno dei più grandi cuochi e gastronomi del Piemonte che ha riunito in un libro tante ricette popolari della tradizione che ormai si stanno perdendo.
Era d'obbligo per me iniziare da lui perché anche se giro moltissimo per l'italia e ultimamente mi sono avvicinata alla cucina ligure, le mie origini sono radicate in queste terre collinari e vignaiole.
La sua ricetta che verrà riportata di pari passo è: acciughe in salsa bianca di nocciole.


Anche qui la scelta non è casuale, perché ditelo pure che sono vecchia, ma la mia mamma a merenda mi preparava pane e acciughe e quindi trovo questa ricetta un piacevole connubio tra passato e presente e una merenda insolita e saporita di godersi i sapori piemontesi.


ACCIUGHE SOTTO SALE
ACETO
OLIO DI OLIVA
NOCCIOLE
VENTRESCA DI TONNO
SUCCO DI LIMONE E BUCCIA GRATTUGGIATA DI LIMONE
MAGGIORANA
ORIGANO
PREZZEMOLO

Comprate delle belle acciughe sotto sale, pulirle, lavarle in aceto, asciugarle bene e disporle in un piatto da portata, sul cui fondo avrete versato due cucchiai di olio di oliva, mettendole una vicina all'altra.
Prendere delle buone nocciole piemontesi e tostarle leggermene in modo che restino bianche togliendo la pellicina esterna.
Pestarle in un mortaio (o mixer) riducendole a fine poltiglia.
Insieme alle nocciole pestare pari quantità di ventresca di tonno, anch'essa tritata finemente.
(io ho usato 50 gr di nocciole e pari quantità di ventresca)
Aggiungere ora all'impasto un po' di succo di limone (io metà limone)e un po' di buccia gialla grattugiata, un pizzico i maggiorana, uno di origano e un po' di prezzemolo fresco.
Bagnate con un po' di filo d'olio d'oliva ma non troppo perché questa salsa deve uscire non liquida ma piuttosto solida.
Disporre ora la salsa sopra il piatto di acciughe che devono essere completamente ricoperte per uno spessore di qualche millimetro.
Lasciar riposare in frigo almeno qualche ora, anzi sono migliori il giorno dopo!

25 commenti:

  1. Ottimo...mi piacciono tantissimo...ciao.

    RispondiElimina
  2. Che bella questa nuova rubrica! E parti subito alla grande con un piatto della tua tradizione con ingredienti d'eccellenza quali la ventresca di tonno e le nocciole piemontesi! Curioso modo per servire delle alici! Al prossimo cuoco allora :-)! Un bacione

    RispondiElimina
  3. che bellissima idea!!!! ti seguirò con ancor + costanza!!

    RispondiElimina
  4. E da buon piemontese le nocciole non ptevano proprio mancare.
    Davvero interessante questa tua nuova rubrica. La seguirò con molta attenzione.

    RispondiElimina
  5. Che bell'abbinamento! sono curiosa di farla provare al maritino

    RispondiElimina
  6. Mi piace molto la tua idea per questa rubrica.
    Hai iniziato con una ricetta che mi stuzzica molto, adoro le alici e le nocciole.

    RispondiElimina
  7. Ma è fantastico!!!Le acciughe con le nocciole!!!!
    Copio,copio....copio...
    Buona giornata a te.

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Lucy :)
    Questa ricetta la amo già, mammamia quanto mi piacciono le acciughe! Visto che stai sperimentando delle ricette dai libri di grandi chef volevo segnalarti una bella iniziativa di Menù Turistico a cui puoi partecipare...ci sono anche io!
    http://menuturistico.blogspot.com/2011/09/vinci-un-libro-ogni-mese-il-nuovo-gioco.html

    RispondiElimina
  9. Mi paice l'idea della nuova rubrica e soprattutto quella di cominciare con una ricetta della tradizione: senza quelle la nostra cucina non avrebbe "radici" ...
    Questa pietanza per me è nuova :D

    RispondiElimina
  10. Studiando a scuola l'arte, mi sono innamorata della Toscana perchè lì c'erano gli Uffizi e i maggiori pittori erano di firenze e appena sono stata in Toscana, l'ho amata fin da subito! e poi dopo la scuola e grtazie a mio moroso ho scoperto l'amore per la cucina e..grazie a Benedetta Parodi ho iniziato a fare le prime ricette e mi sono "avvicinata" al piemonte (nel senso che mi incuriosiva) e alle sue ricette. Spero di venire presto a fare visita a questa bellissima regione!! bellissima la tua ricetta e bellisima anche la rubrica...complimenti!

    RispondiElimina
  11. buonissmo questa "bruschetta" alle acciughe. Una salsina da provare. Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  12. Hola Lucy, tras unos días fuera veo que no has parado de hacer unas recetas estupendas.
    Me encanta esta tosta que nos presentas, debe ser un bocado delicioso!!!

    Besos,

    RispondiElimina
  13. Interessante rubrica..ti seguirò con piacere..Sono solita acquistare libri culinari..quindi non posso perdermi questa nuova sezione che parte proprio bene ^.-

    RispondiElimina
  14. Buone le acciughe!!! Mi piacciono da morire!!
    In effetti non lo conoscevo, e non conoscevo nemmeno questa ricetta... Grazie!!

    RispondiElimina
  15. Mi piace la ricetta e mi piace l'iniziativa. Sarò vecchia anch'io (tanto per dire....non siamo affatto vecchie!!!) ma a merenda oltre a pane, burro e alici mia nonna mi preparava pane, burro e zucchero...
    baci
    Sabina

    RispondiElimina
  16. Ho diverse amiche piemontesi che fanno le acciughe con le nocciole, ognuna in modo un pochino diverso. Amo poco entrambe, ma adoro i ricordi di infanzia e le tradizioni, quindi complimenti doppi. Ah! Non credo tu sia vecchia ;-)

    RispondiElimina
  17. Ciao ti volevo invitare a partecipare al mio contest: Il dolce piu' peccaminoso!
    qui maggiori info:
    http://dolciricette.blogspot.com/2011/10/la-cucina-dei-7-peccati-il-dolce-piu.html
    C'è tempo fino al 15 di Novembre...
    Ti aspetto!!

    RispondiElimina
  18. Bella questa rubrica, mi piace molto anche la ricetta! ho molte acciughe da smaltire e questo mi sembra un ottimo modo per gustarle.

    RispondiElimina
  19. Ottima ricetta,molto gustosa direi! Ciao

    RispondiElimina
  20. non conoscevo questa ricetta, la trovo molto interessante.
    anch'io da bambina mangiavo pane burro e zucchero, comunque non esistevano merendine, snaks ecc., non sono vecchia ma diversamente giovane(come dice una delle mie blogger preferite)

    RispondiElimina
  21. Golosissima!!!
    Ci piace molto la tua idea di proporre ricette di grandi cuochi!!!

    Baciii
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  22. ottima ricetta!
    brava!
    a me piace anche tanto pane, burro e acciughe :-)

    RispondiElimina
  23. ça a l'air délicieux, vous avez dû vous régaler
    bonne journée

    RispondiElimina
  24. Che ideona...un altro motivo per seguirti con rinnovato piacere. Foto sempre belle :)

    RispondiElimina
  25. Ottimo piatto,da segnare rifare e gustare senz'altro.Un abbinamento molto intrigante.
    Brava e grazie per l'idea.
    Un abbraccio,Fausta

    RispondiElimina