lunedì 31 marzo 2014

BROWNIES AL THE' MATCHA



 Avvicinandosi al periodo pasquale chi ha dei bambini si ritroverà con una abbondante scorta di cioccolato, residuo delle uova che verranno rotte; niente di più gustoso che trasfornarlo in buonissimi brownies, resi ancora più sfiziosi dall’aggiunta del tè matcha che crea simpatici disegni in superficie.



200 GR CIOCCOLATO FONDENTE
20 GR CACAO
100 GR BURRO
2 UOVA
100 GR ZUCCHERO
150 GR FARINA
30 GR TE MATCHA CALDO

30 GR LATTE CONDENSATO
1 GR POLVERE DI TE MACHA

Preparare il the matcha secondo le indicazioni.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato con lo zucchero; unire il tè, la farina e le uova.
Sbattere energicamente con il frullatore, versarlo nella teglia e poi infornare a 180 gradi per 20 minuti circa.
Unire a parte in una ciotola la polvere di tè con il latte condensato che unendoli diventerà un bellissimo colore verde.
Qualche minuto prima della fine cottura versare sopra a filo formando dei disegni casuali con  il latte condensato.
Spegnere il forno e una volta freddi tagliare a quadrati!


sabato 29 marzo 2014

TORTINI DI RISO VENERE CON AGRETTI


Per gli amanti del riso venere una ricetta molto sfiziosa che vi conquisterà non solo per la raffinatezza nei gusti ma anche per il profumo che emanerà in cottura; un modo insolito di usare questo riso ma di sicuro con questa ricetta stupirete i vostri ospiti.


200 GR RISO NERO (io usato riso venere Falasco)
SALE FINO
65 GR BURRO FREDDO
25 GR ACQUA
1 ROSSO D’UOVO

X IL RIPIENO
100 GR AGRETTI puliti
2 CUCCHIAI FARINA
1 NOCE BURRO
200 GR LATTE
NOCE MOSCATA


Preparare la frolla: ridurre a farina il riso, unire un pizzico di sale, il burro freddo, il rosso d’uovo e l’acqua. Impastare molto, molto bene, formare una palla e chiudere in frigo per almeno una ora.
Trascorso il tempo stendere il composto con il mattarello, dando la forma di un cerchio.
A parte pulire gli agretti e saltarli in padella qualche minuto con un filo d’olio, in modo da cuocerli ma renderli ancora croccanti. Tenere da parte.
Preparare la besciamella con latte caldo, farina stemprata e la noce di burro e poi unire gli agretti tagliati leggermente.
Stendere la frolla in una terrina, mettere il composto al centro e chiudere leggermente i bordi.
Infornare a 160 gradi per 30 minuti circa.

giovedì 27 marzo 2014

SGONFIOTTI ALLA RICOTTA



Per quanto io cerchi sempre di orientarmi verso una cucina sana alle volte cedo a delle piccole tentazioni…Ma che sarà mai il fritto goloso una volta ogni tanto?..soprattutto questi sgonfiotti spariscono alla velocità della luce per cui non vi rendere conto di averne mangiati  un bel po’! J


250 GR FARINA
25 GR LIEVITO
50 GR ACQUA
1 PRESA SALE
200 GR PATATE
150 GR RICOTTA
1 PRESA ZUCCHERO
ERBETTE


Far sciogliere il lievito nell’acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero.
Appena gonfia unirlo alla farina, la ricotta e alle patate lessate e ridotte in purè e le erbette tagliate, aggiungere l’ acqua e iniziare ad impastare. Lasciare lievitare l’impasto per almeno un paio di ore.
Appena la pasta è cresciuta prendere dei piccoli pezzi d’impasto e formare delle palline, e poi friggere in abbondante olio.

martedì 25 marzo 2014

COSTINE..PICCANTINE




Con l’arrivo della bella stagione è inevitabile la voglia di barbecue e grigliate soprattutto ne è usanza a Pasquetta sperando nel bel tempo.
Le costine sono decisamente un must delle grigliate e io le adoro belle saporite e leggermente piccanti.
Provate a prepararle con questa marinata!



2 CUCCHIAI SALE
2 CUCCHIAI ZUCCHERO DI CANNA
4 CUCCHIAI PAPRICA DOLCE
1 CUCCHIAINO PEPERONCINO IN POLVERE
2 CUCCHIAINI SENAPE IN POLVERE
1 CUCCHIAINO PEPE
1 CUCCHIAIO SALSA DI SOIA
3 CUCCHIAI ACETO MELE
12 CL KETCHUP
2 CUCCHIAI OLIO


Unire tutti gli ingredienti secchi e liquidi in una ciotola capiente, amalgamare bene i gusti e riscaldare tutto insieme a fuoco bassissimo per qualche minuto in modo che i sapori si amalghino meglio.Non bollire!!
Massaggiare bene con le mani la carne e poi lasciala marinare dentro il recipiente coperta da un paio di ore ad un massimo di una notte.
Portare a temperatura ambiente prima di grigliare.

Servire ben calde!

domenica 23 marzo 2014

TORTINI DI PANE CON FRUTTA CANDIDA


Manca ormai poco alla Pasqua: chi farà dei tour allacciandosi anche al ponte del 25 aprile e chi invece si richiuderà in cucina a condividere con la famiglia un momenti gioioso di festa.
Io spero di appartenere alla prima categoria anche solo per spezzare un po’ la quotidianità ma per farmi perdonare saranno tante le ricette in tema pasquale che condividerò con Voi!

Incomincio dal dolce con una torta di pane, facile e rustica ma che partendo da ingredienti poveri è anche il simbolo della tavola Pasquale..

 (dosi per 6 tortini)
130 GR PANE RAFFERMO
150 GR LATTE
100 GR ZUCCHERO
40 GR AMIDO MAIS
2 UOVA
40 GR BURRO
40 GR FRUTTA CANDITA
BUCCIA DI LIMONE


Ammollare il pan raffermo nel latte e lasciarlo riposare per almeno un paio d’ore.
Trascorso il tempo unire lo zucchero, la fecola, la frutta candita, la grattata di limone e le uova.
Mescolare il tutto e infornare per 40 minuti circa a 180 gradi.

venerdì 21 marzo 2014

MAGORABIN


Ad un cliente vicino al mio tavolo che lo elogiava di quanto entusiasmo ci mettesse a raccontare i propri piatti lui rispose che nella sua professione di Chef è molto importante la comunicazione, il far trapelare la passione e la propria filosofia.. Quanto ha ragione questo Chef stellato, a volte un tantino provocatore, alle volte un po’ sarcastico sui social ma sempre coerente con il proprio pensiero.
Ma di chi sto parlando? …troppo facile indovinarlo per i veri gourmet: Marcello Trentini del ristorante Magorabin a Torino.
Il suo mantra è raccontare attraverso i piatti la nuova torinesità che ha sempre vissuto  una fusion, prima con il Meridione e ora con i popoli provenienti dall’Est.
Una cucina pronta ad aprirsi al resto del mondo ma sempre golosa, nata dalla testa e dal cuore perché come dice lui “io amo mangiare bene”.
Anche io amo mangiare bene, amo cogliere le sfumature di un piatto e qui c’è davvero da volare con la mente, i profumi e i sapori; certi piatti ti inebriano le narici e poi i sapori esplodono in bocca e quando il piatto finisce  rimangono nascosti nella mente.
Io ho avuto la fortuna di assaporare parte del menù ideato per il progetto Chef’s Table, di quasi 35 piccoli assaggi, studiati appositamente per il cliente senza possibilità di scelta che condensa il pensiero dello chef ma che unisce anche l’idea del bello, non solo nell'estetica dei piatti ma anche nel menù realizzato in una texture molto particolare con un’opera di Ugo Nespolo.
Ecco alcune anticipazioni....

 Macaron demi-salè alle mandorle con fegatini di coniglio e tartufo nero
 Battuto di cervo con polvere di Pringles e salsa barbecue ai peperoni cruschi
 Cotenna di maiale soufflé con gamberi rossi in cevice e avocado
 Ostrica, patate e cipolle
 Tagliatelle di seppia cruda con mandorla di Noto, polvere di alga Nori, gelèe di limone e brodo caldo di canocchie
 Cappone di Marozzo abbrustolito, maionese di cedro e composta di pere e zenzero e dressing di ricci di mare
 Salmone Red King marinato al tamarindo con porcini e latte di cocco, portulaca e fiori di borragine
 Cuore di capasanta con gel di patanegra, polvere di castagne, olio di nocciole e tartufo nero
 Rombo, culaccia e asparagi
 Guazzetto di scorfano con cialda di riso soffiato allo zenzero
 Animella, burrata e Bok Choy e salsina di acciughe
 Pere, mandorle e zenzero
Biscotto ai pinoli con mousse di cioccolato bianco e gelato di banana, ananas e mango, tuille al sesamo e mou salato




mercoledì 19 marzo 2014

FRITTINI DI PATATE ALLE ERBE



Esistono ricette della tradizione povera che sono semplicissime ma che riportano la mente ai tempi passati.
Mi ricordo i classici tortini di patate che mi nonna ci faceva, univa le patate che sobbollivano sulla stufa, le uova della gallina, il pane avanzato e le erbette che crescevano spontanee nell’orto.
Quelle piccole frittelle, così semplici da fare ma anche così gustose che ce le rubavamo dal piatto.
Lo so che non è una vera ricetta, ma alle volte. ci sono ricordi che meritano di essere tramandati...



400 GR PATATE LESSE
1 UOVO
1 FETTA DI PANE RAFFERMO
60  GR TOMA PIEMONTESE
ERBETTE MISTE
SALE, OLIO  
FARINA DI POLENTA



Pulite le erbette e tagliarle con la mezzaluna.
Tagliare la toma a piccoli pezzetti e tenere da parte.
Lessare le patate e poi schiacciarle calde in una terrina con la forchetta.
Unire l’uovo, il formaggio, il pane sbriciolato con le mani e le erbette; regolare di sale.
Formare dei frittini, passare nella farina di polenta e poi friggere in padella.
(Io ho usato la padella Roccianera, ottime per non apportare grassi ulteriori in cottura)

lunedì 17 marzo 2014

FOCACCIA AL MIGLIO PER CELIACI



Questa focaccia e' un piacere  anche per chi e' celiaco e non si vuole privare di gusto e sfiziosità.
Questa focaccia e' per l'evento #vinperfocaccia a Celle Ligure il 23 marzo.
Vi aspetto in sala consiliare alle 15.00!




300 G PATATE
200 GR FARINA DI MIGLIO + 70 GR FARINA MIGLIO
7 GR LIEVITO
5 GR ZUCCHERO
100 GR ACQUA
5 GR SALE
10 GR OLIO


Pulire le patate, lessarle e poi ancora tiepide schiacciarle ed unirle alla farina di miglio (200 GR), unire lo zucchero e il lievito di birra sbriciolato.
Amalgamare insieme e poi unire l’acqua e impastare. Il composto sarà molto morbido; lasciarlo riposare per mezz’ora.
Trascorso il tempo unire la rimanente farina, l’olio e il sale e impastare di nuovo.
Lasciare lievitare il composto coperto per almeno 4 ore circa (non si gonfierà moltissimo)
Trascorso il tempo stendere l’impasto formando delle focaccette, oliare la superficie e mettere sopra sale a scagliette.
Infornare a 160 gradi per 30 minuti circa (dipende dal forno)

sabato 15 marzo 2014

SOFFICINI



Non solo i bambini ne sono attratti ma anche i grandi amano il ripieno morbido e il guscio croccante dei sofficini.
Nella mia missione di blogger cerco di cedere a pochi prodotti industriali e adattarli invece ad una versione casalinga e più genuina. Eccovi la mia ricetta.


X 10 sofficini
Per la sfoglia
200 GR FARINA 00
20 GR BURRO
20 ML PANNA
ACQUA Q.B
SALE

X il ripieno
200 GR PATATE
100 GR MORTADELLA
150 GR RICOTTA
30 GR PARMIGIANO

FARINA DI MAIS Q.B


Prima di tutto preparare la sfoglia impastando la farina con il burro e la panna freddi da frigo.
Iniziare ad impastare e all’occorrenza aggiungere un po’ di acqua fredda (ne servirà poca).
Impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo e lasciare coperto in frigo per almeno una ora.
A parte pulire e lessare le patate; mixarle calde con la ricotta e il grana grattato. Regolare di sale.
Riprendere l’impasto dividendolo in piccole porzioni uguali, copparlo delle stesse dimensioni, ricoprire con una fetta di mortadella sottile e poi versare al centro il composto.
Chiudere a metà avendo cura di sigillare i bordi, cospargere la superficie di farina di mais e friggere (o cuocere al fonro).

Ottimi anche da surgelare e tenere pronti per l’ultimo momento.

giovedì 13 marzo 2014

BISCOTTI MORBIDI AL CIOCCOLATO


La colazione per me è il pasto più importante, mi piace coccolarmi con una piccola dolcezza davanti ad una bella tazza di the prendendomi il tempo che poi durante il giorno scorre sempre veloce.




160 GR FARINA 0
40 GR CACAO
1 UOVO
20 GR FARINA NOCCIOLE
110 GR ZUCCHERO
110 GR BURRO
½ BUSTINA LIEVITO

GOCCE DI CIOCCOLATO BIANCO
AMARENE


Impastare velocemente gli ingredienti con il burro ammorbidito e lasciare riposare coperto in frigo per almeno una oretta.
Trascorso il tempo riprendere l’impasto e formare delle palline a cui pratichiamo un buco al centro.
Sistemare o gocce di cioccolato o mezza amarena.
Infornare a 180 gradi per 15 minuti circa.
Raffreddare e spolverizzare leggermente di zucchero a velo

martedì 11 marzo 2014

FISHBURGER



Si sa che i bimbi sono profondamente attirati verso i cibi super conditi e pubblicizzati delle grandi catene ma se fatti in casa possono diventare un pasto completo e salutare come ad esempio i miei fishburger.


X i panini
200 GR FARINA 00
500 GR FARINA GAROFALO
1 CUCCHIAINO SALE
150 ML ACQUA
30 GR BURRO FREDDO
10 GR LIEVITO BIRRA
200 ML LATTE TIEPIDO
2 UOVA
1 CUCCHIANO ZUCCHERO

SEMI SESAMO
LATTE PER SPENNELLARE
KETCHUP

400 GR MERLUZZO O ALTRO PESCE A CARNE SODA
150 GR PATATE
SALE
MAGGIORANA




Nell’impastatrice mescolare le due farine e lo zucchero.
Unire il lievito di birra sbriciolato  e il latte tiepido e iniziare ad impastare.
Lasciar riposare mezz’ora e poi unire il burro freddo e il sale, le uova sbattute
e l’acqua. Continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Lasciare riposare coperto in frigo fino al raddoppio.
Trascorso questo tempo, posizionare l’impasto sulla spianatoia e pezzare dei panini di 100 gr l’uno (io ne ho fatti di 70 gr per i bimbi).
Modellare bene ciascuna porzione fino a formare palline belle lisce; appiattiteli leggermente.
Posizionare i panini  ben distanziati sulla teglia da forno e farli di nuovo lievitare coperti per almeno una ora. Spennellare poi la superficie con il latte e cospargere dei semi di sesamo.
Infornare a 180 gradi circa per 20/30 minuti.
Preparare i fishburger, facendo cuocere a vapore il pesce e lessare le patate.
Ancora caldi togliere eventuali lische rimaste dal filetto e mixare insieme alle patate e maggiorana; regolare di sale.
Infarinare leggermente i burger e farli dorare in padella antiaderente con un filo di olio finché saranno dorati da entrambi i lati.
Far raffreddare e poi tagliarli a metà i panini e farcirli con il fishburger, erbetta di finocchio e ketchup.

domenica 9 marzo 2014

ROTOLO DOLCE DECORATO AL CIOCCOLATO CON LEMON CURD



Lo so che alle volte i rotoli dolci vengono bistrattati solo perche' considerati difficili da fare, ma bastano pochi e decisi gesti per creare un dolce esteticamente molto bello e soprattutto buono!

3 UOVA
85 GR ZUCCHERO
85 GR FARINA 00
10 GR PANNA
½ BUSTINA LIEVITO

LEMON CURD

100 GR CIOCCOLATO FONDENTE


Il trucco di questo dolce e' usare un tappeto decorato, io Pavonidea.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente e con una spatola livellarlo sul tappeto decorato.
Lasciar rapprendere al fresco.
Intanto prepariamo il rotolo mondando i tuorli con lo zucchero in modo che diventino belli spumosi e separatamente montare gli albumi a neve ferma.
Incorporare al composto dei tuorli la farina setacciata, il lievito e la panna facendo attenzione a non smontare il composto.
Per ultimo unire i bianchi dal basso verso l’alto per inglobare aria.
Versare il composto sopra il tappeto decorato e infornare subito a 180 gradi per 12 minuti circa..
Quando è bello dorato sfornare e coprire la superficie con carta da forno strizzata e bagnata.
Con l’aiuto del canovaccio e dello stesso tappetino arrotolare su se stesso, coprire bene e aspettare che si  freddi.
Quando sarà freddo srotolarlo e riempirlo con il lemon curd arrotolarlo e servirlo.



venerdì 7 marzo 2014

FOCACCIA AL GRANO SARACENO CON MISTICANZA, BURRATA, POMODORINI CONFIT E GOMASIO


Oggi focaccia imbottita di grano saraceno a lunga lievitazione per chi vuole approcciarsi a nuovi sapori, questo impasto e il condimento (che non è il solito di verdure scondite e senza senso) è stato studiato per l’evento di Celle “focaccia per tutti”.
Nella giornata del 23 marzo a Celle ligure si terrà la prima edizione della manifestazione Vino e Focaccia; io sarò una delle relatrici al dibattito in sala consiliare e presenterò alcuni tipo di focaccia alternativi, per celiaci, vegani e per chi vuole provare gusti nuovi.
Vi aspetto numerosi!





800 GR FARINA OO
200 GR FARINA GRANO SARACENO
800 ML ACQUA
7 GR LIEVITO BIRRA
6 GR SALE
10 GR OLIO
5 GR ZUCCHERO

250 GR POMODORINI
ZUCCHERO A VELO Q.B
MISTICANZA
GOMASIO
OLIO DI NOCCIOLE
250 GR BURRATA
RADICE DI ZENZERO (1 PEZZO)


Unire le farine e impastare aggiungendo per prima il lievito e lo zucchero e dopo qualche minuto che si sta impastando il sale e l’olio.
Impastare fino a quando otterrete un impasto elastico ma molto morbido.
Lasciare in una ciotola coperta da minimo 12 ore a 20 ore.
Stendere l’impasto su un piano infarinato e disporre nelle teglie almeno qualche ora prima di infornare. Oliare e salare la superficie e poi infornare a 160 gradi per 40 minuti.

A parte schiacciare un pezzo di radice di zenzero, unire con l’olio di nocciole e condire la misticanza
Pulire i pomodorini, tagliare a metà, spolverare di zucchero a velo e candire nel forno a 200 gradi finché saranno caramellizzati
Al momento di servire, in uscita condire con la misticanza, la burrata stracciata, i pomodorini confit e salare con il gomasio